Wondernet Magazine
MODA

Giorgio Armani: «L’unica via di uscita dall’emergenza è rallentare. Il lusso richiede tempo, non può e non deve essere fast»

La reputazione dei brand di moda durante il Covid19: come e perché il made in Italy ne è uscito rafforzato. L’esempio di Re Giorgio Armani, intervistato da Reputation Review.

Il mondo della moda è, da sempre, il settore che fa da traino all’economia italiana, raccontando il valore del made in Italy nel mondo. Con l’emergenza da Covid19 se ne è avuta ulteriore conferma. Il timore di compromettere la propria reputazione e, quindi, il proprio valore economico era legittimo e comune alla maggior parte delle aziende. Questo anche in considerazione del fatto che, allo scoppio dell’emergenza, l’industria del fashion si preparava a lanciare la collezione primaverile, con tanto di campagne già pianificate e budget già investiti. Tra coloro che meglio identificano le eccellenze della moda italiana, e che dovrebbe essere preso ad esempio per la gestione dell’emergenza, c’è sicuramente Giorgio Armani, noto anche come Re Giorgio.

Giorgio Armani, il Re indiscusso della Moda

Reputation Review, l’unica rivista italiana interamente dedicata all’analisi delle reputazioni, lo ha intervistato.

Nell’intervista lo stilista ha discusso le modalità della ripartenza in questo settore così fondamentale per il nostro Paese. Un’azienda che conta oggi più di 7 mila dipendenti nel mondo, con un fatturato globale pari a 2,1 miliardi di euro. Ma ciò che maggiormente caratterizza Armani è la sua straordinaria leadership e la capacità di valorizzare in primis sempre il contributo del fattore umano.

Armani riparte da Milano

È nei momenti di difficoltà che si vede il valore di un vero leader. E Giorgio Armani lo è. In questo momento difficile, ha voluto contribuire alla rinascita economica e reputazionale di Milano, città che lo adottò anni fa e che tanto ama, e dell’Italia. Armani ha deciso di riportare nel capoluogo lombardo le sue sfilate di alta moda, dopo anni di assenza, augurandosi che i suoi colleghi facciano lo stesso.

giorgio armani murale

«La crisi ci offre l’occasione per dare spazio ai valori»

«Questa crisi è una meravigliosa opportunità per riallineare tutto, per ridare valore all’autenticitàracconta Re Giorgio nell’intervista pubblicata su Reputation Review – Il momento che stiamo attraversando è turbolento, ma ci offre anche la possibilità, unica davvero, di aggiustare quello che non va, di riguadagnare una dimensione più umana per dar spazio a valori come il coraggio, la solidarietà e lo spirito di sacrificio, che poi sono le caratteristiche della nostra cultura. È bello vedere che in questo senso siamo tutti uniti.

L’emergenza attuale dimostra come un rallentamento attento e intelligente sia la sola via d’uscita. Il declino del sistema moda per come lo conosciamo è iniziato quando il settore del lusso ha adottato le modalità operative del fast fashion, carpendone il ciclo di consegna continua nella speranza di vendere di più, ma dimenticando che il lusso richiede tempo, per essere realizzato e per essere apprezzato. Il lusso non può e non deve essere fast». 

 

Articoli correlati

Moda sostenibile: le 7 regole di GANT per far durare un capo anche 20 anni

Redazione

Chanel Mètiers D’Art, la sfilata nella splendida cornice dello Chateau des Dames

Manolo Blahnik acquisisce il calzaturificio italiano Re

Laura Saltari

Lascia un commento