Wondernet Magazine
MODA NUOVI ARTICOLI

Stella McCartney, la campagna green SS22 con Natalia Vodianova

Stella McCartney, la campagna SS22 con Natalia Vodianova
La campagna SS22 di Stella McCartney è verde, in tutti i sensi. Da sempre fervente sostenitrice delle cause animaliste e ambientali, la stilista britannica esplora il potenziale dei funghi come alternativa vegana alla pelle animale

Nella campagna SS22 Stella McCartney intraprende un viaggio psichedelico nella natura. Le immagini sono scattate dall’iconico duo creativo Mert & Marcus, e la protagonista è la supermodella Natalia Vodianova.

Location della campagna, i giardini Marqueyssac nel sud della Francia e l’Espace Niemeyer a Parigi, la sede della sfilata di questa stagione. Lo spazio dà la sensazione di essere in un cappello a fungo, un iconico cenno all’espressione artistica e all’apertura di Oscar Niemeyer.

Stella McCartney, la campagna SS22 ispirata ai funghi

La collezione di questa stagione offre capi in pelle vegana realizzati con poliestere riciclato, elastan, nylon, cotone organico e lino. Ed anche poliuretano senza solventi, Alter Mat e denim di cotone organico tinto con Recycrom. Gli stili chiave dell’estate 2022 sono body attillati, abiti cut out e capi di sartoria effortless. Nella palette cromatica, tonalità vibranti di rosso, verde e oro metallizzato.

Per la SS22 Stella McCartney è stata inizialmente ispirata dal documentario “Fantastic Fungi”. Il film esplora il potenziale in gran parte non sfruttato di questi incredibili organismi. Possono essere usati in medicina, per lo smaltimento dei rifiuti e delle fuoriuscite di petrolio, nella lotta ai cambiamenti climatici.

Guidata da Merlin Sheldrake, micologo e autore di “Entangled Life” (“L’ordine nascosto – La vita segreta dei funghi”) la collezione SS22 di Stella McCartney esplora queste possibilità.

Come afferma Stella McCartney: “Se vogliamo salvare tutte le nostre pelli dalle conseguenze della crisi del clima e della biodiversità, dobbiamo fermare l’uso da parte della moda di pelli e pellicce animali. I funghi rappresentano un’alternativa vegana che può essere coltivata in modo rigenerativo, rinnovabile e veloce. Come non essere ossessionati da questi fantastici funghi”.

La borsa Frayme in pelle di fungo

Il micelio viene utilizzato per creare di tutto, dai materiali da costruzione biodegradabili agli imballaggi, alle alternative vegane alla pelle animale come Mylo, ottenuta dal micelio contenuto nelle radici dei funghi dall’azienda Bold Threads.

Stella McCartney, la campagna SS22 con Natalia Vodianova

Presentata da Stella McCartney alla sfilata SS22, la Frayme Mylo è la prima borsa di lusso al mondo realizzata esclusivamente con questa alternativa vegana e certificata in pelle di micelio certificata, disponibile per l’acquisto entro la fine dell’anno. Questo materiale aiuta a ridurre l’uso di prodotti a base di petrolio e non contribuisce all’agricoltura animale, che rappresenta circa il 14,5% delle emissioni globali di gas serra ed è responsabile della distruzione di ecosistemi vitali come l’Amazzonia.

Articoli correlati

Fiorella Mannoia: «Mi piacerebbe tornare al cinema, ma intanto facciamo musica»

Roberta Savona

All’asta la celebre gonna di tulle di Carrie Bradshaw

Camilla Di Spirito

Liu Jo contro Kendall Jenner: il brand porta la modella in tribunale e chiede 1,8 milioni di dollari

Laura Saltari

Lascia un commento