Wondernet Magazine
PERSONAGGI

A Tilda Swinton il Leone d’oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia

tilda Swinton
L’attrice britannica è stata insignita del Leone d’oro alla carriera della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Tilda Swinton nell’accettare l’ambito riconoscimento tributatole dal Cda della Biennale di Venezia, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera, ha dichiarato: «Porto nel cuore questo grande festival da tre decenni: è con grande umiltà che ricevo questo riconoscimento».

«È per me una vera gioia venire a Venezia, soprattutto quest’anno – ha detto ancora l’attrice – per celebrare l’immortale arte del cinema e la sua ribelle capacità di sopravvivenza di fronte a tutte le sfide che il cambiamento può porre a noi tutti». 

Tilda Swinton
Photo Credits: La Biennale – Andrea Avezz©

Tilda Swinton a Venezia elogia la scelta di Berlino sui premi gender neutral

Il festival di Berlino ha annunciato che d’ora in poi darà il premio alla migliore interpretazione senza distinguere tra femminile e maschile. Tilda Swinton ha commentato così la decisione della Berlinale: «Brava Berlino, che sollievo, è una cosa positiva, un fatto di buon senso e sono sicura che questo diverrà un esempio per altri festival».

«Gli esseri umani – ha proseguito Tilda Swinton – si interessano molto alle divisioni, alle classificazioni, ai compartimenti, credo che invece si stia capendo che non è una direzione giusta. La vita – ha proseguito – è breve e dividere è solo uno spreco».

Tilda Swinton
Tilda Swinton al photocall di The Uman Voice – Photo Credits: La Biennale

 

I progetti futuri di Tilda Swinton

Nel 2008 Tilda Swinton ha lanciato, con il co-fondatore Mark Cousins, la 8 1⁄2 Foundation, un’iniziativa cinematografica mondiale rivolta ai bambini. 

E rivela di un film che sta preparando, «ispirato alla scuola steineriana che avevo fondato in Scozia, dove sono andati anche i miei due figli, e che è stata molto importante per la mia vita. Lavoro, con il Derek Jarman Lab, ad un film d’essai sulla natura dell’apprendimento, un tema che durante questo periodo di lockdown ha fatto tutti molto riflettere, dalle fratture, come quella che abbiamo vissuto durante la pandemia, penso che si debba ricavare l’opportunità di cambiare. Mi pongo la domanda: di cosa hanno e avranno bisogno i bambini? Flessibilità, autonomia, relax».

Attualmente Tilda Swinton, che vive nelle Highlands in Scozia ed è madre di due gemelli, ha presentato a Venezia The Human Voice, un cortometraggio drammatico scritto e diretto da Pedro Almodóvar, basato sull’omonima opera teatrale di Jean Cocteau.

Tilda Swinton con Pedro Almodóvar al photocall di The Human Voice – Photo Credits: La Biennale

L’attrice preferita di Derek Jarman

Tilda Swinton ha esordito nel cinema nel 1985 con il film Caravaggio di Derek Jarman. Da quel momento in poi i due gireranno altri sette film assieme, fino alla prematura scomparsa del regista nel 1994. Tra le loro collaborazioni si ricordano Ciò che resta dell’Inghilterra (1987), The Garden (1990), War Requiem (1989), Edoardo II (1991, Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile) e Wittgenstein (1993). Nell’Orlando (1992) di Sally Potter, basato sull’omonimo romanzo di Virginia Woolf, ottiene ampio riconoscimento internazionale per l’incomparabile interpretazione del protagonista. 

Le collaborazioni di Tilda Swinton con Jim Jarmusch, Luca Guadagnino e Bong Joon Ho

Tilda Swinton ha stabilito lunghe e importanti collaborazioni con registi quali Jim Jarmusch (Solo gli amanti sopravvivono, 2013; I morti non muoiono, 2019), Joel e Ethan Coen, Lynne Ramsay (...e ora parliamo di Kevin, 2011) e Luca Guadagnino (Io sono l’amore, 2009; A Bigger Splash, 2015; Suspiria, 2018). 

Ha lavorato inoltre con Bong Joon Ho nei film Snowpiercer (2013) e Okja (2017), entrambi grandi successi internazionali. 

Photo Credits: La Biennale – Giorgio Zucchiatti©

L’Oscar nel 2007 per Michael Clayton

Tilda Swinton ha girato Un disastro di ragazza (2015), commedia acclamata dalla critica, scritta da Amy Schumer e diretta da Judd Apatow. Ha interpretato l’iconica Strega Bianca nella saga di Narnia e l’Antico nel blockbuster dei Marvel Studios Doctor Strange (2016). La parte in Michael Clayton (2007) di Tony Gilroy le è valsa un premio BAFTA e un premio Oscar come miglior attrice non protagonista. 

Recentemente Tilda Swinton ha recitato per Wes Anderson nel film The French Dispatch. Si tratta della sua quarta collaborazione col regista americano. È stata diretta da Joanna Hogg nel film The Souvenir: Part II e da Apichatpong Weerasethakul nel film Memoria.

Ha curato la programmazione di numerosi festival cinematografici in varie zone del mondo, nelle Highlands scozzesi, in Thailandia e a Pechino; tra i festival da lei organizzati c’è anche Pilgrimage, una sorta di cinema mobile trainato a piedi attraverso la Scozia. 

Articoli correlati

Miguel Bosè in piazza a Madrid con i manifestanti negazionisti che dicono “no” alle mascherine

Redazione

Alanis Morissette denuncia molestie anche nel mondo musicale: «#MeToo dovrebbe occuparsene»

Valentina Turci

Da Chiara Ferragni a Ilary Blasi, il week end dei vip sulle spiagge italiane

Valentina Turci

Lascia un commento