Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Dior, per la Haute Couture FW22-23 Maria Grazia Chiuri si ispira all’albero della vita

Dior, la Haute Couture Autunno/Inverno 2022-23 ispirata all'albero della vita
L’albero della vita è al centro del lavoro dell’artista ucraina Olesia Trofymenko, ed è anche il punto di partenza della collezione Dior Haute Couture Autunno/Inverno 2022-2023 disegnata da Maria Grazia Chiuri

Dior ha presentato la sua collezione Haute Couture Autunno/Inverno 2022-23 con una sfilata nel calendario ufficiale dell’alta moda a Parigi. Maria Grazia Chiuri si è ispirata alle infinite interpretazioni che nel corso dei secoli l’arte ha dato all’albero della vita.

Pittura e ricamo danno una carica emotiva alla sua immagine, simbolo di culture e mitologie diverse. L’albero della vita collega tutte le forme di creazione. Sostiene il cielo e lo collega alla terra attraverso i suoi rami e le sue radici. Lo stemma di Olesia Trofymenko fa parte dei codici stilistici comuni a molti paesi. Maria Grazia Chiuri contempla la moda attraverso il filtro dell’arte esplorando questo territorio di tradizioni, il cui aspetto è immutabile e rivoluzionario, come il cucito.

Dior, la Haute Couture Autunno/Inverno 2022-23 ispirata all'albero della vita

Dior, la collezione Haute Couture Autunno/Inverno 2022-23

Questa collezione Dior si compone quindi di una serie di capi attraverso i quali risuona l’immaginario popolare che ispirano tutte le culture in un dialogo aperto. I rami, il tronco, le radici dell’albero della vita. Una visione che investe liberamente diversi modelli grazie alla profusione di ricami, fatti di cotone, seta e fili di corda.

Le sfumature del beige sono talvolta punteggiate da un tocco di nero o blu. Questi ricami, che richiedono tempo per eccellenza, sono applicati su tessuti di cotone, crepe di lana, seta e cashmere.
Gli abiti sono caratterizzati da trecce patchwork in bronzo e pizzo nero e guipure, un tipo di pizzo a tombolo. Lo chiffon è stato scelto per gli abiti lunghi e leggeri che seguono le linee del corpo in un virtuoso gioco di smock.

I materiali reinterpretano la silhouette New Look: la giacca Bar è decorata con un tessuto a punto smock verticale e la gonna è strutturata da nastri che formano un basco. I tessuti realizzati a mano su telaio ne esaltano la trama preziosa e irregolare attraverso capi che bandiscono ogni orlo. Grandi trench ricamati in seta o cotone adornano gli abiti lunghi.

Si tratta di plasmare materiali e forme in questo spazio di riflessione che è l’Atelier, permeabile alla realtà sociale in cui viviamo. Per ricordare cosa significa essere umani oggi. I gesti trasmessi, appresi e sempre perfettibili, si ripetono. L’albero della vita è una chiamata. Un avviso. Trasmettere e diffondere tradizioni come i gesti permette di ritrovare un equilibrio, anche se solo momentaneo.

Articoli correlati

Joy Meribe, il suo “afropolitan chic” alla Milano Fashion Week

Camilla Di Spirito

Ermanno Scervino SS21, la collezione che celebra il 20° anniversario della maison fiorentina

Redazione Moda

Dior: la sfilata Autunno/Inverno 21 alla reggia di Versailles, come in una fiaba

Paola Pulvirenti

Lascia un commento