Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Ermenegildo Zegna apre Milano Moda Uomo con la collezione SS22, raffinata ed essenziale

Ermenegildo Zegna, la collezione SS22
La sfilata di Ermenegildo Zegna, presentata con un video trasmesso in streaming, ha dato il via ieri pomeriggio alla Fashion Week maschile milanese

Alessandro Sartori, direttore creativo di Ermenegildo Zegna, ha presentato ieri la collezione Primavera/Estate 2022. La sfilata, con un video trasmesso in streaming, ha dato inizio a Milano Moda Uomo, in corso fino al 22 giugno. Un guardaroba raffinato, ma allo stesso tempo pratico ed essenziale. «Il mio obiettivo con Zegna è creare un vero accordo tra l’essenza della sartoria, la nostra ragion d’essere, e il ritmo del mondo contemporaneo», ha spiegato Sartori. 

«Nello specifico – ha proseguito il direttore creativo – ho combinato l’artigianato di lusso e ridefinito costruzioni che liberano l’uomo, pur mantenendo il carattere distintivo del marchio, con modelli tanto facili da indossare, quanto originali e creativi. La chiave di tutto è la funzione».

Un codice stilistico ribattezzato “New Set” dal suo creatore. Una concezione dove formale incontra il leisurewear, l’indoor si mescola con l’outdoor, e l’estetica si fa fluida e genderless.

Ermenegildo Zegna, la collezione SS2022

La collezione è stata presentata con un fashion film ambientato tra il labirinto del castello di Masino, in Piemonte, e spazi urbani milanesi come il condominio Monte Amiata progettato da Aldo Rossi, le scale dello Iulm e l’ingresso di Fiera Milano. Uomini e donne si muovono velocemente attraverso labirinti naturali e scenari urbani per raggiungere un traguardo condiviso: una cena “pieds dans l’eau” nelle vasche all’ingresso della Fiera, con il direttore creativo seduto a capotavola e un brindisi al futuro.

I capi della collezione

Zegna ridisegna con leggerezza e fluidità un guardaroba essenziale, dalle forme semplificate, in cui «è il tessuto che fa il capo», come spiega Sartori. Dalle fibre vegetali al jersey, passando per nuove combinazioni materiche, come la lana Bielmonte dell’Oasi Zegna, che mischiata a seta e lino crea un nuovo denim. Oppure il lino placcato ingualcibile del blazer portato con la maglia di seta. O ancora, il denim effetto lino consumato dalle smerigliature del giubbino da workwear. L’impegno di Zegna per la sostenibilità si concretizza con l’uso delle stoffe #UseTheExisting, che accompagnano la maison verso l’obiettivo zero waste. La fibra di cotone tagliata e rigenerata effetto lana viene abbinata allo jacquard delle nuove maglie. Il trench dal volume ad A è fatto di lana liquida e leggerissima, che sembra pelle lucida.

Un guardaroba funzionale e modulabile, pratico, fatto di pochi pezzi, con la camicia o la T-shirt che infilate nei pantaloni possono sostituire la giacca, e creare un effetto tuta da lavoro.

La nuova visione estetica  si rispecchia anche nella scelta della palette cromatica, fatta di colori soft, dal bianco al rosa all’azzurro, che si accende con note di cobalto, ametista, verde militare, tabacco. Gli accessori viaggiano di pari passo con l’esigenza di un guardaroba pratico ed essenziale. Includono scarpe slip-on in pelle, occhiali oversize, borse pouch, tote bag e zaini, cinture sottili .

Articoli correlati

La Monte Carlo Fashion Week diventa un evento in digitale con talk ed anteprime di nuove collezioni

Redazione

Versace: la collezione Autunno/Inverno 2021-22 sfila on line nel labirinto digitale

Paola Pulvirenti

Balmain: per la collezione Autunno/Inverno 2021 un viaggio glam intorno al mondo fino alla luna

Paola Pulvirenti

Lascia un commento