Wondernet Magazine
Cinema

“Le otto montagne”: al via le riprese del film con Luca Marinelli e Alessandro Borghi 

“Le otto montagne”, Luca Marinelli e Alessandro Borghi insieme sul set
Sono iniziate in Valle d’Aosta le riprese dell’atteso adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Paolo Cognetti,  vincitore del premio Strega nel 2017. Nel cast Luca Marinelli e Alessandro Borghi, che tornano insieme sul set dopo “Non essere cattivo”.

Sarà diretto dal regista belga Felix van Groeningen, nominato all’Oscar nel 2012 per la pellicola “Alabama Monroe”, l’adattamento cinematografico del romanzo di Paolo Cognetti. Edito in Italia da Giulio Einaudi editore e vincitore del premio Strega nel 2017, “Le otto montagne” è stato tradotto in oltre 25 lingue.

Nei panni di Pietro e Bruno, i due amici protagonisti de “Le otto montagne”, troveremo due degli attori più amati e apprezzati del panorama cinematografico italiano: Luca Marinelli e Alessandro Borghi. I due hanno già lavorato insieme in “Non essere cattivo”, film drammatico del 2015 diretto da Claudio Caligari.

Luca Marinelli, dallo Zingaro di Jeeg Robot alla Coppa Volpi per “Martin Eden”

Romano, 37 anni, Luca Marinelli ha raggiunto la grande fama nel 2016, con il ruolo dello Zingaro in “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti, che gli è valso un David di Donatello. Ha interpretato poi numerosi altri film, (“Il padre d’Italia”, “Lasciati andare”, “Una questione privata”, “Fabrizio De André – Principe libero”, “Ricordi?”), e nel 2020 ha vinto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile con “Martin Eden” di Pietro Marcello. L’anno scorso lo abbiamo visto accanto a Charlize Theron in “The old guard”, su Netflix. E a partire dal 16 dicembre 2021 potremo finalmente ammirare la sua interpretazione in “Diabolik” dei Manetti Bros, la cui data di uscita è stata più volte posticipata a causa della pandemia.

“Le otto montagne”, Luca Marinelli e Alessandro Borghi insieme sul set

Alessandro Borghi, altro straordinario interprete del cinema italiano e internazionale

Anche Alessandro Borghi è nato a Roma, 34 anni fa. E dopo aver lavorato accanto a Marinelli in “Non essere cattivo”, ha raggiunto la popolarità con l’interpretazione di Aureliano Adami nel film “Suburra” diretto da Stefano Sollima, ruolo che ha interpretato anche nelle tre stagioni della serie Netflix. Al cinema lo abbiamo visto, tra l’altro, in “Napoli Velata” di Ferzan Özpetek, “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini (David di Donatello come miglior attore protagonista nel 2019), “Il Primo Re” di Matteo Rovere. Ed ha interpretato il ruolo di Massimo Ruggero nella serie Sky “Diavoli”, di cui sono in corso le riprese della seconda stagione.

“Le otto montagne”, Luca Marinelli e Alessandro Borghi insieme sul set

Luca Marinelli e Alessandro Borghi tornano quindi insieme sul set. Non si sa ancora chi dei due sarà Pietro e chi Bruno, i protagonisti de “Le otto montagne”. Nel cast, accanto a loro, anche Filippo Timi ed Elena Lietti.

“Le otto montagne”, la sinossi del film

“Le otto montagne” racconta una storia di amicizia, di padri e di figli e delle scelte di ciascuno che si rivelano determinanti per la loro vita. Sullo sfondo si innalzano le montagne della Valle d’Aosta, non soltanto come scenario naturalistico, ma come un vero e proprio personaggio che ha un ruolo ben preciso nella trama.
Quelle montagne sono infatti l’ostacolo che bisogna scalare, sia fisicamente sia psicologicamente. Soltanto così si potrà finalmente conoscere chi si è davvero.

“Le otto montagne” è prodotto da Mario Gianani e Lorenzo Gangarossa per Wildside (questa la parte di produzione italiana), società del gruppo Fremantle; da Pyramideproductions (Francia) e da Rufus / Menuetto (Belgio). Il film è coprodotto  e distribuito da Vision Distribution.

Articoli correlati

Lo Schiaccianoci del Royal Ballet, il balletto di Natale per eccellenza, arriva al cinema [TRAILER]

Redazione

Mostra del Cinema di Berlino: a Helen Mirren Orso d’Oro alla Carriera

Redazione

Oscar 2020: tutti gli attori in nomination, Joaquin Phoenix e Renée Zellweger favoriti

Laura Saltari

Lascia un commento