Wondernet Magazine
Cinema

La Fondazione Prada lancia “Perfect Failures”, una rassegna in streaming di film incompresi

fondazione prada fedora
Ci sono film che entrano di diritto nella storia del cinema, vere e proprie icone senza tempo. Ci sono poi i propri film del cuore, da vedere e rivedere anche se poco degni di nota per la critica. E ci sono anche quelli super premiati, i cult, quelli sopravvalutati: ma ci sono anche quelli sottovalutati! E proprio questa categoria è l’oggetto di Perfect Failures.

Il progetto è una collaborazione tra Fondazione Prada e MUBI. Si tratta di una rassegna di film disponibile gratuitamente online che raccoglie alcuni film incompresi al momento della loro uscita. L’idea nasce ovviamente in un momento delicato. La Fondazione Prada, che dal 1993 si occupa di arte contemporanea e divulgazione culturale, attualmente ha due sedi, una a Milano e l’altra Venezia. Entrambi gli spazi sono stati temporaneamente chiusi, così come di tutti i luoghi della cultura e dell’intrattenimento. Da qui, l’intensificazione dell’online, in un’ottica di maggiore condivisione col pubblico e di ricerca di nuove forme di fruizione.

In streaming i Perfect Failures del cinema

La rassegna sarà disponibile dal 5 aprile su MUBI. La piattaforma di streaming online di film d’autore è disponibile in 190 Paesi, conta oltre 9 milioni di abbonati in tutto il mondo e i suoi film sono fruibili in streaming e scaricabili in ogni momento, su qualsiasi dispositivo, senza annunci pubblicitari.

Il viaggio cinematografico proposto con la collaborazione di Fondazione Prada comprende fallimenti critici e commerciali, passi falsi di registi importanti, pellicole deludenti, che non sono state capite nel loro tempo perché in anticipo o in ritardo rispetto alla società e al mondo che c’era fuori. Ma i giudizi nel tempo possono cambiare e infatti questi film, insuccessi al momento della loro comparsa su grande schermo, si sono poi rivelati vincenti nei decenni successivi.

Sono pellicole che hanno mostrato di avere un potere e un fascino che nessuno (all’epoca) aveva colto, mostrando invece una certa repulsione e un netto rifiuto nei loro confronti. Il programma prevede:

  • Southland Tales (Così finisce il mondo, 2006), commedia fantascientifica di Richard Kelly;
  • A Countess from Hong Kong (La contessa di Hong Kong, 1967), l’ultimo film comico di Charlie Chaplin con Sophia Loren e Marlon Brando;
  • Fedora (1978), melodramma di Billy Wilder;
  • Night Moves (2013), pellicola drammatica di Kelly Reichardt accusata di plagio;
  • Un divan à New York (Un divano a New York, 1996), audace commedia di Chantal Akerman;
  • Showgirls (1995), film erotico di Paul Verhoeven.

Articoli correlati

Oscar 2021, saranno 15 i film nella short list per miglior film straniero

Redazione

“356 giorni”, la cantante Duffy chiede a Netflix la rimozione: «Incita alla violenza sulle donne»

Giusy Dente

David di Donatello 2021: spicca “Volevo Nascondermi”, la Loren e Pozzetto candidati migliori protagonisti

Laura Saltari

Lascia un commento