Wondernet Magazine
Skin care

La bellezza si coltiva: Chanel presenta i laboratori a cielo aperto per la creazione dei suoi trattamenti skincare

Chanel trattamenti skincare, le filiere vegetali
Per la creazione dei suoi trattamenti skincare, la Maison applica le stesse regole caratterizzate da autenticità e rigore messe in atto per i suoi profumi. È con la stessa pazienza virtuosa che Chanel mantiene il suo approccio orientato all’eccellenza e al controllo della qualità delle materie prime. 

Gli ingredienti naturali coltivati da Chanel per i principi attivi cosmetici dei trattamenti skincare sono di una qualità eccezionale. Questo è perché sono frutto degli impegni presi dalla Maison ad ogni livello.

Le filiere vegetali tracciabili di Chanel

La trasparenza e il dialogo sono i prerequisiti della fiducia che unisce Chanel ai suoi partner. La completa tracciabilità delle filiere vegetali di sua proprietà, integrate al 100%, ne è la prima espressione. La Maison presta completa attenzione a ognuna di queste filiere e attua un approccio collaborativo, rigoroso e ambizioso, avviato ormai 10 anni fa. 

Chanel trattamenti skincare

La Maison ha creato laboratori a cielo aperto che ospitano le piante più belle, a partire dalle quali estrae i suoi principi attivi. Si tratta di veri e propri centri di ricerca, coltivazione e sperimentazione botanica al servizio della creazione di ingredienti naturali esclusivi, di una qualità unica, che entrano a far parte della composizione dei trattamenti skincare Chanel. 

La prima coltivazione di rose e gelsomini per l’iconico N° 5

Fin dalla creazione del profumo N°5 nel 1921, cui fece seguito la comparsa dei primi trattamenti di bellezza nel 1927, Gabrielle Chanel ha posto sempre grande attenzione alla qualità delle materie prime utilizzate. 

La Maison Chanel ha proseguito in maniera naturale gli impegni rigorosi della sua visionaria creatrice, restando sempre al passo con i tempi e prendendo ispirazione da ciò che la natura offre. Chanel ha avviato nel 1987 una collaborazione, totalmente inedita all’epoca, con il maggiore produttore di fiori locale, situato a Pégomas. In questo modo la Maison può far fronte alla scomparsa programmata della rosa di maggio e del gelsomino di Grasse, e si impegna a dare continuità alla qualità dell’Estratto N°5.

Il rispetto della biodiversità e le coltivazioni etiche

Oltre trent’anni più tardi, l’expertise di questa filiera d’approvvigionamento, sviluppata nel rispetto delle tradizioni e del savoir-faire artigianale, porta i suoi frutti. La ricerca, l’osservazione e la collaborazione con gli esperti non hanno mai smesso di migliorare la qualità della produzione e hanno permesso di accogliere, su circa 20 ettari di campi, nuove coltivazioni come l’iris, la tuberosa e il géranium rosat. 

Sono seguiti altri tre laboratori a cielo aperto dove vengono coltivati gli ingredienti dei trattamenti skincare Chanel. Due in Francia, nel sud delle Alpi e nella regione sud-occidentale ai piedi dei Pirenei, nei pressi di Gaujacq. Uno in Costa Rica, nella penisola di Nicoya. In questi centri, situati in aree climatiche differenti e in diverse regioni per garantire un accesso maggiore e più vario alla biodiversità, le piante vengono coltivate da uomini e donne che si avvalgono del savoir-faire e dell’expertise delle loro comunità.

La vaniglia del Madagascar

Il primo laboratorio a cielo aperto è stato creato nel 2002 in Madagascar. Questo centro di coltivazione, ricerca e sperimentazione botanica ha permesso di portare alla luce tutto il potere attivo della Vanilla planifolia e di estrarne i tesori naturali, che sono il cuore dei trattamenti skincare Chanel Sublimage. Da allora, i botanici e i fitochimici della Ricerca Chanel hanno cercato in tutto il mondo piante promettenti, ne hanno studiato il comportamento nel loro ambiente naturale e ne hanno analizzato la composizione, allo scopo di selezionare quelle con le proprietà cosmetiche più interessanti. 

Chanel trattamenti skincare

L’anthilys e il solidago della Provenza 

Nel corso di un programma di ricerca durato quasi otto anni, i ricercatori hanno studiato 500 piante selvatiche originarie del sud delle Alpi francesi.

Chanel trattamenti skincare

La storia, le proprietà medicinali e l’endemicità di queste piante sono state passate al setaccio. Tramite il prelevamento di campioni, i ricercatori hanno ottenuto oltre 60 estratti botanici. Questi hanno permesso l’identificazione con analisi fitochimica di molecole di interesse, fino ad arrivare a selezionare il solidago e l’anthyllis presenti nella linea di trattamenti skincare Chanel Sublimage. 

La Camelia, il fiore di  Mademoiselle

Il fiore preferito di Mademoiselle Chanel continua a sbocciare dal 2008 nel sud-ovest della Francia. Chanel nel estrae il meglio delle sue proprietà idratanti. Grazie alla collaborazione avviata nel 2005 con Jean Thoby – vivaista ed esperto internazionale di camelia – la Ricerca Chanel ha creato nel 2009 un primo principio attivo idratante ricavato dai fiori della Camellia japonica ‘Alba Plena’. Questo tesoro vegetale è il cuore della linea di trattamenti skincare Chanel Hydra Beauty. È in corso lo sviluppo di altri principi attivi, che entreranno a far parte della composizione dei prodotti skincare Chanel. 

Chanel trattamenti skincare

Il “conservatorio” delle Camelie 

Sul territorio dello Château de Gaujacq, la ricerca sulle camelie è favorita dal giardino botanico creato nel 1986 da Jean Thoby. Questo luogo, dedicato alla conservazione vegetale, è unico al mondo e ospita specie e varietà orticole tra le più rare. Conta più di 260 specie di piante e 2.000 varietà di camelia provenienti dai 5 continenti, su quasi 5 ettari. 

Azienda agricola ecologica con laboratori di ricerca

Per poter continuare lo studio delle diverse parti della Camellia japonica ‘Alba Plena’ e l’osservazione delle altre specie di camelia, Chanel ha ristrutturato un’azienda agricola secondo principi ecologici e l’ha dotata di un laboratorio di ricerca in fitochimica. 

Il caffè verde dalla Costarica

Nel 2013 la Ricerca Chanel ha scoperto le straordinarie proprietà di un caffè specifico della Costa Rica, eccezionalmente ricco di molecole antiossidanti. Nel 2015 Chanel ha instaurato una collaborazione con un’impresa sociale locale, Alianza Campesina Flora Nueva, e con una vicina cooperativa di produzione di caffè. Il metodo di coltivazione punta a preservare e a valorizzare le qualità naturali della pianta.

Chanel trattamenti skincare

Le ciliegie vengono raccolte a maturazione e fatte essiccare al sole secondo un metodo tradizionale. I semi verdi, non tostati, sono pressati a freddo sul posto. Da essi viene ottenuto un olio grezzo, a partire dal quale nel 2015 è stato creato un principio attivo altamente protettivo impiegato nei trattamenti skincare Chanel.

 

 

Articoli correlati

Powerful Body Trio: da Freshly Cosmetics il kit per la remise en forme dopo le vacanze

Redazione

Maschera viso: i 5 errori da non commettere

Valentina Turci

Beauty routine invernale: l’importanza della crema idratante per proteggere il viso da freddo e sbalzi di temperatura

Redazione Moda

Lascia un commento