Wondernet Magazine
MODA

Supreme: oggi apre a Milano il primo store italiano del top brand statunitense

Supreme, apre a Milano il primo store italiano
A Milano oggi ha aperto il primo store italiano di Supreme, il brand americano di streetwear fondato da James Jebbia molto amato da celebrities e dalla Gen Z.

Gli appassionati di Supreme oggi sono tutti a Milano! Dopo rumors, fughe di notizie e rinvii legati alla pandemia, oggi giovedì 6 maggio ha aperto a Milano il primo flagship store italiano del brand di streetwear fondato a New York. Da giorni si rincorrevano indizi: dalle tradizionali affissioni ai numerosi video di skater che sfrecciavano tra le strade della città fino alla stazione Centrale.

Tutti ovviamente postati sui social e condivisi sul profilo Instagram del brand da 13 milioni di follower! Supreme da sempre ha legato buona parte della sua strategia commerciale all’hype, cioè alla febbre degli appassionati che sono disposti a tutto pur di aggiudicarsi uno dei pochissimi pezzi messi in commercio con l’iconica scritta rossa. E per evitare folle e assembramenti notturni, Supreme ha stabilito infatti che oggi la visita debba avvenire solo su appuntamento previa registrazione online. Inutile dire che i posti sono già esauriti da tempo!

Supreme, apre oggi a Milano il primo store italiano

Come acquistare nel flagshipstore Supreme?

Il flagshipstore di Milano rappresenta il tredicesimo negozio Supreme al mondo. Lo spazio del noto brand newyorkese di streetwear si trova in corso Garibaldi 20 angolo piazza San Simpliciano, nell’iconico quartiere milanese di Brera. I fan del brand potranno visitare lo store solo dopo essersi registrati. Una volta in negozio, sarà possibile acquistare solo un prodotto per taglia nel giro di 15 minuti circa.

Supreme, apre oggi a Milano il primo store italiano

Per celebrare l’apertura dello store milanese, Supreme ha rilasciato un’esclusiva Box Logo a tema, contenente una t-shirt limited edition che rende omaggio a una delle opere d’arte più rappresentative della città: l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci. Il nuovo oggetto del desiderio dei fan di Supreme oggi andrà sicuramente sold out! Anche se fuori dallo store c’è il divieto assoluto di resell, ovvero niente bagarinaggio di lusso con gli articoli del negozio! Nello store si trovano anche le nuove sneakers create in collaborazione con Nike.

Supreme, apre oggi a Milano il primo store italiano

Lo store Supreme si estende in uno spazio di oltre 100 metri quadrati. In sostanza è diviso da un colonnato centrale; a destra ci sono gli artwork di Mark Gonzales e due relle di capi d’abbigliamento. Sul lato opposto sono esposti altri prodotti e una zona dedicata agli accessori. In fondo al negozio c’è un muro al quale sono attaccati tutti gli skate deck realizzati dal brand in mostra per la stagione SS21.

Supreme, apre oggi a Milano il primo store italiano

La storia di Supreme

Fondato da James Jebbia nel 1994 a New York, lo store Supreme divenne un punto di riferimento per gli skater della città e per gli amanti della cultura hip-hop.  Nel 1995 la rivista Vogue definì il brand come lo “Chanel dello streetwear”. Il logo rosso con la scritta bianca è ispirato alle opere di Barbara Kruger, artista statunitense famosa per le sue posizioni anti-consumiste. Nel 2020 il brand è stato acquisito dal gruppo americano VF Corporation, che comprende già, tra gli altri, Vans, Timberland e North Face. Il brand ha fatto delle subculture giovanili punk e hip hop e del loro linguaggio la sua storia, arrivando a conquistare nel corso degli anni numerose griffe del lusso e i brand della moda, da Louis VuittonComme des GarçonsRimowa, fino a LacosteClarks, Everlast e molti altri. Oggi ci sono già assembramenti di Gen Z fuori dallo store milanese per avvistare tutte le celebrities amanti del brand!

 

 

 

 

Articoli correlati

Le scarpe gioiello, un must have per impreziosire il look delle serate di festa

Michelle Scalzo

Moda sostenibile: l’iniziativa di Vogue e Yoox Italia parte dalla Milano Fashion Week

Redazione

Valentino, a Pechino il secondo capitolo del progetto re-signify di Pierpaolo Piccioli

Redazione Moda

Lascia un commento