Wondernet Magazine
Moda Uomo

Moschino, la collezione uomo FW21 rivisita il post-impressionismo hollywoodiano

Moschino, la collezione uomo FW21
Moschino, per la sua nuova collezione uomo Autunno/Inverno 2021-22, prende spunto dalle icone del cinema noir degli anni ’40 come Humphrey Bogart e Dana Andrews. Il risultato è una commistione tra eleganza sartoriale e un tocco d’arte. La sfilata fa il suo debutto per mezzo di un video digitale.

Anche Moschino Uomo ha scelto di presentare la nuova collezione maschile FW21 privandosi di una sfilata in presenza a causa della pandemia. L’alternativa che ha preso in considerazione risiede in un video digitale molto originale come atmosfera e come musiche, realizzato come un film noir anni Quaranta. Il direttore artistico Jeremy Scott ha lavorato sugli abiti come un pittore opera sui suoi dipinti.

Moschino uomo FW21

Moschino uomo FW21: quando l’arte incontra la sartorialità

Pennellate gestuali, tratti dalle tonalità gioiello. Creste di vernice acrilica effetto trompe l’oeil. Sfumature acquerello come fumo che aleggia in un vecchio vicolo, per un’atmosfera da film noir dove i protagonisti potrebbero essere Humphrey Bogart, Dana Andrews e Edward G. Robinson. Nella nuova collezione Jeremy Scott ha lavorato sui wardrobe essentials, dai cappotti, alle biker jacket fino alle tracksuits, dando loro una nuova vita, come un artista al lavoro sulla propria tela. Il post-impressionismo incontra un’eleganza sartoriale che evoca il cinema della vecchia Hollywood.

Moschino, la collezione uomo FW21

I capi firmati Moschino mutati in tele post-impressioniste

La collezione si apre con cappotti, perfectos, trench e parka, tutti caratterizzati da stampe di pennellate non definite, che ricordano l’estetica propria di Cézanne e Gauguin. Ogni capo diventa così una tela, sulla quale appaiono giochi di colore in equilibrio tra luce ed ombra, azione ed emozione, tra concettuale e concreto. I cappotti lasciano poi spazio a felpe, maglie crew neck e inaspettati blazer, con intarsi argyle nelle tonalità del grigio o brillanti sfumature effetto velluto. Abiti sartoriali rimandano nostalgicamente allo stile di Bogart. Palette notturna, invece, per smoking con revers a scialle e tuxedo: lavanda intenso, blue notte e tonalità del nero si fondono, per un allure da sogno noir. Le linee sono prese in prestito dalla Hollywood degli anni ’40, ma rivisitate con tocco attuale. Dalla notte al giorno con tracksuits stampate effetto vernice, giacche cargo, felpe, sweatpants e denim, resi unici da stampe brushstrokes.

Articoli correlati

Louis Vuitton e Human Made: nuova collaborazione tra Nigo e Virgil Abloh per la Cruise 2022

Redazione Moda

Balmain X Maluma, l’esclusiva co-lab SS21 dai colori sorbetto e silhouette anni ’90

Redazione Moda

Virgil Abloh lancia la seconda collezione Louis Vuitton 2054 

Redazione Moda

Lascia un commento