Wondernet Magazine
Musica

Måneskin, al via il primo tour Mondiale, esclusa la Russia: «Solidarietà al popolo ucraino»

I Maneskin annunciano il loro primo tour mondiale, esclusa la Russia
I Måneskin annunciano l’inizio del loro primo tour mondiale e scelgono di escludere la Russia, in segno di vicinanza all’Ucraina.

Dopo il rinvio di gennaio a causa della pandemia, e la sospensione del tour ad inizio marzo, i Måneskin annunciano finalmente l’inizio del loro primo tour Mondiale.

La band romana sceglie però di escludere la Russia, in segno di vicinanza all’Ucraina.

I Måneskin annunciano il loro primo tour Mondiale

Il Loud Kids Tour si svilupperà in 48 concerti fra Nord America ed Europa. Le date sono aumentate e includono ora il primo headline tour in Nord America, oltre a diverse aggiunte agli show nei palazzetti italiani. Il Tour europeo nei club, precedentemente posticipato, si sposta nei palasport nel 2023.

I Maneskin annunciano il loro primo tour mondiale, esclusa la Russia

Partirà il 31 ottobre 2022 da Seattle. Da lì i Måneskin suoneranno in 16 città degli Stati Uniti – tra cui New York, San Francisco, Las Vegas, Washington e Canada, prima di intraprendere il tour europeo riprogrammato per il 2023 e al quale si aggiungono nuove date e includendo venue iconiche come la O2 Arena di Londra, la Accor Arena di Parigi e la Mercedes Benz Arena di Berlino. Oltre che in Italia, nuove date in Spagna, Danimarca, Austria, Lettonia ed Estonia.

Dopo il Tour in Nord America, i Måneskin daranno il via al loro Tour europeo in Italia, a Pesaro, il 23 febbraio 2023, aggiungendo due nuove date: il 17 marzo a Bologna e il 5 maggio a Milano.

Le parole della band romana

La band romana, formata da Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan, ha annunciato con grande felicità l’inizio del loro tour: «Vi annunciamo con grande emozione che il nostro Loud Kids Tour si è fatto ancora più rumoroso ed è diventato mondiale!»

I Maneskin annunciano il loro primo tour mondiale, esclusa la Russia

I Måneskin continuano poi mostrando solidarietà al popolo ucraino: «È cresciuto e comprenderà le nostre prime vere date da headliner negli Stati Uniti. Naturalmente, non è facile per noi parlare di musica dal vivo mentre la guerra affligge l’Ucraina e provoca la sofferenza di così tante persone innocenti. Siamo devastati per il popolo ucraino e vogliamo dimostrargli la nostra totale solidarietà. A causa delle decisioni prese da chi è al potere, decisioni che affliggono le vite di civili innocenti, non ci esibiremo in Russia. Dobbiamo essere uniti per la pace, ora e per sempre»

 

Articoli correlati

Pausini e Antonacci, arriva il primo “docusocial” di un tour: dalle 18 di oggi le immagini inedite del loro tour estivo

Redazione

Marco Masini, nel 2020 festeggia 30 anni di carriera con un tour nei principali teatri italiani ed europei

Nicolò Grigoletto

Franco Battiato, il cordoglio delle Istituzioni e dei colleghi sui social

Redazione

Lascia un commento