Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Balenciaga scuote le coscienze: la sua sfilata a Parigi è un grido d’allarme

balenciaga
Alla Paris Fashion Week, in occasione della presentazione della collezione Autunno-Inverno 2020-2021, Balenciaga ha presentato un allestimento da scenario apocalittico. Lo scopo? Scuotere le coscienze e far riflettere sul modo in cui stiamo trattando il mondo in cui viviamo.

Lo stilista georgiano Demna Gvasalia, direttore artistico di Balenciaga, ha scelto di schierarsi in modo molto netto e di mandare un messaggio molto chiaro. Un vero e proprio grido d’allarme in nome di una maggiore cura e attenzione da rivolgere al pianeta, per scongiurare i rischi legati al cambiamento climatico. Lo ha fatto con le armi a sua disposizione, col linguaggio comunicativo a lui più noto, fatto di scenografie, luci, colori, musiche. L’allestimento realizzato per la sfilata è potente, quasi da set cinematografico. Mare in tempesta, inondazioni, lampi di fuoco, eclissi: tutto l’apparato serve a mostrare la natura nella sua versione più estrema e quasi ostile all’uomo.

Borse, abiti e accessori passano quasi in secondo piano rispetto al messaggio di fondo proposto, che mette lo spettatore in imbarazzo, a disagio. La sensazione non è piacevole, nel vedere le acque scure e torbide inondare la passerella, che si riflettono nello schermo posto in alto e che quasi piomba sulle teste dei modelli e della platea, schermo che proietta sinistre immagini apocalittiche. Di sottofondo, una musica martellante e cupa.

Ne viene fuori qualcosa di quasi claustrofobico, come a dire: non abbiamo scampo. Il mondo che stiamo creando finirà con lo schiacciarci se non facciamo subito qualcosa, se non invertiamo la rotta delle nostre azioni scellerate.

Articoli correlati

Herno porta la FW21 nell’atmosfera green e urban chic del Lago Maggiore

Paola Pulvirenti

Giorgio Armani sfila al teatro di Via Borgonuovo con una sinfonia marina

Paola Pulvirenti

La collezione Primavera Estate 2021 di Michael Halpern è un omaggio alle lavoratrici in prima linea

Manuela Cristiano

Lascia un commento