Wondernet Magazine
EVENTI

La villa di Alberto Sordi dopo la mostra per il centenario diventerà un museo

Dal 7 marzo al 29 giugno 2020, in occasione del centenario della nascita di Alberto Sordi la prestigiosa Villa dell’attore, aperta per la prima volta al pubblico, ospiterà una grande mostra a lui dedicata. Dopo la mostra, la casa diventerà un museo.

La villa sorge tra via delle Terme di Caracalla e via Druso, ed è stata progettata negli anni Trenta dall’architetto Clemente Busiri Vici. Sordi l’acquistò negli anni Cinquanta.La mostra si intitola “Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020”, perché organizzata in concomitanza con l’anniversario del grande attore, e si svolgerà dal 7 marzo al 29 giugno. Le prenotazioni sono già numerosissime, ma i biglietti sono ancora disponibili su Vivaticket.

Dopo la mostra la villa diventerà un museo

Come riportato ieri dalle pagine del quotidiano romano “Il Messaggero”, infatti, i 37 “aspiranti eredi che avevano impugnato il testamento di Aurelia, sorella di Alberto, hanno perso la causa. La sentenza del tribunale di Roma da il via libera all’operazione”.

Un viaggio alla scoperta dell’artista e dell’uomo

Il progetto espositivo rappresenta un viaggio alla scoperta dell’artista e dell’uomo. Un ritratto completo che fa emergere il contributo unico e insostituibile che Sordi ci ha lasciato in eredità. Il progetto si compone di due racconti che si sviluppano in parallelo: il Sordi pubblico e il Sordi privato. Nel percorso la vita pubblica e quella privata dell’attore si intrecciano generando non poche sorprese, dando vita a una narrazione vivace e avvincente conducendo il visitatore alla scoperta di alcuni tratti inconsueti e poco conosciuti della personalità dell’artista. Altra sede dell’esposizione è il Teatro dei Dioscuri dove tra le tante sezioni sarà dedicato un focus al progetto tanto voluto dall’attore “Storia di un italiano”.

La sindaca Virginia Raggi ha dichiarato: «è un appuntamento importante per Roma e per l’Italia intera. Un filmato ritrae Alberto Sordi nella sua casa che si racconta e ringrazia il pubblico. Ringraziare continuamente il pubblico è stata una costante nella sua vita. Grazie al pubblico che lo ha sostenuto è diventato quello che tutti noi conosciamo. Sordi ha interpretato con delicatezza e precisione una carrellata di personaggi romani mettendo in luce gli aspetti positivi e negativi del romano medio. Non c’è nessuno che non abbia visto almeno un suo film. La sua capacità ce lo ha reso una persona di famiglia. Questa mostra è il modo in cui il grande pubblico oggi ringrazia Alberto Sordi per tutto quello che ha fatto e rappresentato a Roma. Dobbiamo continuare a sentirlo parte della nostra vita. Sarà un bellissimo regalo per tutti i romani».

Il soprintendente speciale per l’Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio di Roma, Daniela Porro, ha detto che questa è «una occasione per aprire la villa dell’attore, uno spazio di cui era molto geloso e che amava molto. La casa fu realizzata negli anni ’30 ma Sordi la comprò negli anni ’50 in tempi velocissimi, la vide e se ne innamorò. La nostra azione di tutela si rivolge alla figura di Sordi e a quello che avveniva in questa villa. La casa infatti era molto frequentata da artisti, registi e attori».

La villa di Alberto Sordi – La Vita in Diretta 15/06/2017

Info prenotazioni e biglietti:

La mostra sarà aperta dal 7 marzo al 29 giugno 2020

Sedi e orari: Villa Sordi Piazzale Numa Pompilio (Terme di Caracalla): dal lunedì al giovedì 10 – 20, venerdì e sabato 10 – 22, domenica 10 – 20. Ultimo ingresso un’ora prima

Teatro dei Dioscuri Via Piacenza, 1: dal martedì alla domenica 10 – 19. Lunedì chiuso. Ultimo ingresso 30 minuti prima.

I biglietti possono essere acquistati online su Vivaticket. Prezzi: Intero: € 14, over 65 e under 26: € 10, gruppi (minimo 10 e massimo 25 persone): € 10

 

Articoli correlati

Miss Italia 2020: lunedì 14 dicembre per la prima volta in 80 anni l’elezione in streaming

Redazione

La luce dei cristalli Swarovski accende di magia il Natale di Milano con il Digital Christmas Tree

Anna Chiara Delle Donne

Dal 3 ottobre riparte “Girogustando”, il gemellaggio tra cuochi che unisce cucina e cultura

Redazione

Lascia un commento