Wondernet Magazine
Televisione

Mara Venier accusata dagli ispettori di produzione di Domenica In: “Minacce e insulti”

Mara Venier è stata accusata dagli organizzatori–ispettori di produzione CPTV-Roma di aver indirizzato “accuse, minacce e insulti” verso un loro collega. La conduttrice nega tutto.

Aria di tempesta in quel di Domenica In. Nel pomeriggio di oggi, 21 Febbraio, gli ispettori di produzione di Roma sostengono che un loro collega abbia ricevuto “accuse, minacce e insulti” da Mara Venier. In una lettera aperta pubblicata dagli Organizzatori – Ispettori di Produzione CPTV-Roma, resa nota sui social tramite Nando Clemenzi, si denunciano “offese personali, insulti irriferibili e minacce” in un cima di lavoro “difficile”. Nella lettera si fa riferimento non solo a Mara Venier ma all’intero sistema televisivo. 

Il testo integrale del comunicato

La misura è colma. L’aggressione verbale – offese personali, insulti irriferibili e minacce – immotivata e demenziale perpetrata nei confronti di un nostro collega nello svolgimento delle sue normali funzioni professionali, durante la trasmissione Domenica In, posta in atto dalla conduttrice del programma, è solo l’ultimo episodio increscioso di una lunga sequenza che impatta negativamente sull’intera categoria degli Ispettori di Produzione. Da tempo si è in balia dei disturbi umorali di conduttrici e/o conduttori televisivi che si tramutano in inaccettabili e insopportabili discriminazioni pur non sussistendo rilievi di carattere professionale. Quanto rappresentato coinvolge anche altre figure professionali dello studio generando un clima lavorativo particolarmente difficile ed affatto sereno. Il tutto avallato anche da diversi referenti aziendali che, subendo una sorta di sudditanza psicologica, non arginano né censurano tali comportamenti inqualificabili.

Le regole civili dei rapporti interpersonali, il codice etico aziendale e le norme disciplinari vigenti in uno studio televisivo sono costantemente violate. Non intendiamo sopportare altro e ancora. È necessaria una netta azione di discontinuità con quella che sembra essere diventata la norma in uno studio televisivo. Pretendiamo rispetto personale e professionale, valore sempre riconosciuto ai nostri interlocutori. Invitiamo la Direzione Aziendale ad adottare tutte le necessarie misure affinché ciò non si possa ripetere in futuro. Sollecitiamo le rappresentanze sindacali presenti in Azienda a esercitare tutte le azioni utili alla tutela professionale dei lavoratori e soprattutto alla loro onorabilità. Firmato Organizzatori-Ispettori di Produzione CPTV Roma”.

La conduttrice Mara Venier, contatta da Affaritaliani.it , ha negato tutte le accuse e ha comunicato di essersi volta ai suoi avvocati per tutelarsi nelle sede lavali opportune. Intanto gli ispettori di produzione attendono una risposta ferma e categorica da parte dei dirigenti Rai che finora non ha rilasciato nessun comunicato ufficiale.

Articoli correlati

Le pubblicità di Natale: da Coca Cola a Bauli, i 5 spot televisivi più famosi e iconici del periodo delle feste

Michelle Scalzo

Sanremo 70, la prima serata minuto per minuto

Redazione

“This is us”: sulla Rai un remake tutto italiano della serie TV statunitense

Giusy Dente

Lascia un commento