Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Act N°1: la SS23 sulla passerella del tempo con Casio e sui social di Valentino

Act N°1, la SS23 con Casio e sui social di Valentino
Valentino ha aperto le porte dei suoi social alla SS23 di Act N°1 co-fondato da Galib Gassanoff e Luca Lin, presentata anche sulla catwalk del tempo con Casio!

Per questa edizione di Milano Moda Donna, Valentino ha scelto nuovamente di supportare un brand  emergente sulla scena italiana, il fortunato è Act N°1! Davvero una super esposizione mediatica con i 17 milioni di follower che il brand fondato da Galib Gassanoff e Luca Lin, da solo, non sarebbe mai riuscito ad ottenere. Pier Paolo Piccioli ha dunque deciso di puntare sulla storia di due designer per cui la moda è un atto primario. Ovvero vestirsi, rivestire, aggiungere, sottrarre e scolpire sono solo alcune delle operazioni alla base del processo creativo di una collezione.

Proprio come ha svelato lo stesso Piccioli: «Il lavoro di Galib Gassanoff e Luca Lin è leggero e profondo. Proprio come dovrebbe essere lo sguardo di ogni giovane designer e forse come dovrebbe essere quello di tutti noi. Multiculturalismo, rispetto della diversità e celebrazione dell’umano coesistono senza dogmatismi, senza presunzione in una creatività libera e coraggiosa».

Act N°1, la SS23 con Casio e sui social di Valentino
Pierpaolo Piccioli con Galib Gassanoff e Luca Lin – Photo: Carlotta Ricci©

Act N°1 SS23

Per la SS23, Act N°1 ha voluto riflettere sul senso del tempo. Il tema dell’incessante scorrere di secondi, ore e minuti è stato così centrale da sviluppare una co-lab con Casio Vintage. Una selezione di look ha utilizzato gli orologi, concepiti come una sorta di armatura di metallo.

Photo Credits: Marcus Tondo©

Ricamati su abiti e top in tulle o applicati su una giacca di lana, ricalcano la funzione primaria della protezione dall’esterno. Gli orologi sono un simbolo dell’evoluzione e del tempo, legano al passato e motivano per il futuro, senza fermarsi mai.

Così come le palette cromatiche di riferimento e un casting di modelli eterogeneo per età e fisicità, hanno messo in discussione la rigidità dei classici canoni estetici. Infine l’alternanza di un guardaroba sfumato verso diverse occasioni e momenti di riferimento hanno creato un’idea di abbigliamento in cui il romanticismo ha avuto nettamente la meglio. Denim sfrangiati, pantaloni cargo e trasparenze sono i must have della sfilata. Ma a rubare la scena sono state monumentali nuvole di tulle. Una collezione certamente indossabile con abiti uomo e donna che diventano un super inno alla fluidità!

Articoli correlati

Max Vadukul, il cambiamento climatico in mostra a Milano Moda Donna

Paola Pulvirenti

I designer di Fashion Vibes sfilano a Milano Moda Donna con le collezioni SS23

Paola Pulvirenti

Etro, la collezione FW21 ispirata a Nureyev e a Jimi Hendrix, due artisti liberi e ribelli

Redazione Moda

Lascia un commento