Wondernet Magazine
PERSONAGGI

Anche Chiara Ferragni firma la petizione su Change.org per chiedere giustizia per George Floyd

Chiara Ferragni si schiera al fianco dei milioni di persone che protestano per la morte di George Floyd. E firma la petizione lanciata su Change.org, per chiedere che sia fatta giustizia sul decesso dell’uomo. 

il 25 maggio a Minneapolis dove il 46enne afroamericano George Floyd è morto durante un fermo dopo essere rimasto oltre 8 minuti immobilizzato dall’agente Derek Chauvin che lo ha bloccato a terra premendogli il ginocchio sul collo fino a soffocarlo. Inutili sono state le richieste di aiuto dell’uomo, che ha chiaramente detto di non riuscire a respirare.

Da Minneapolis le proteste si sono spostate a New York, Los Angeles, Denver, Jacksonville, ed hanno varcato i confini americani. Cartelli con sopra scritto “Black Lives Matter”, “Justice for George Floyd” e “I Can’t Breathe” si sono visti anche in Europa. E anche sui social si chiede a gran voce giustizia per George Floyd.

L’altro ieri, Chiara Ferragni ha aderito al Black Tuesday, l’iniziativa nata su Instagram che ha coinvolto moltissimi vip di tutto il mondo. Simbolicamente migliaia di utenti hanno pubblicando una foto nera, in segno di lutto, di protesta contro il razzismo e di solidarietà con la famiglia di George Floyd.

View this post on Instagram

#BlackOutTuesday Black Lives Matter ❤️

A post shared by Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni) on

Subito dopo la morte di Floyd è stata lanciata una campagna su Change.org per chiedere che tutti e tre i poliziotti coinvolti fossero licenziati dalle forze dell’ordine: cosa che è avvenuta in breve tempo. Derek Chauvin poi è stato anche arrestato con l’accusa di omicidio. La petizione in pochi giorni ha superato quota 15 milioni e 200 mila adesioni. Ora i firmatari chiedono a Jacob Frey, sindaco della città del Minnesota, che sia fatta chiarezza anche sulle responsabilità degli altri tre poliziotti. Vogliono che sia fatta giustizia fino in fondo sull’omicidio di George Floyd, per cui ora tutta l’America protesta. E anche Chiara Ferragni ha deciso di unirsi al coro.

Articoli correlati

La nuova tendenza per le vip è mostrarsi senza trucco: le star italiane e internazionali al naturale

Valeria Torchio

Nadja Swarovski premiata “Business Leader of the Year” ai Positive Luxury Awards 2020

Anna Chiara Delle Donne

Laura Pausini al Quirinale dal presidente Mattarella dopo la notte degli Oscar

Redazione

Lascia un commento