Wondernet Magazine
MODA

Carlo Pignatelli lancia la sua prima capsule di abiti da sposa realizzata in tessuti sostenibili

La maison torinese Carlo Pignatelli è sempre stata molto attenta e sensibile ai temi dell’etica e della sostenibilità della moda. Dal 2021 lancerà una linea di abiti da sposa green, realizzati con tessuti rigenerati e filati naturali ed ecosostenibili.

Lo scorso aprile, in occasione della Giornata della Terra, Carlo Pignatelli ha lanciato #DREAMGREEN, un contest social a favore della tutela del pianeta in collaborazione con Treedom, la piattaforma web che permette di piantare alberi a distanza e di seguirli online.

Ora la Maison vuole intraprendere un percorso all’interno del quale la coscienza green si concretizzerà con la realizzazione di una capsule bridal interamente realizzata con materiali sostenibili e certificati, provenienti da filiere tracciabili. 

Grazie alla produzione 100% italiana, Carlo Pignatelli dà la sicurezza che vengano seguite tutte le regole nel rispetto dell’ambiente e della tutela dei lavoratori. La capsule di abiti da sposa realizzata in materiali certificati che rispettano l’ambiente sarà disponibile dal 2021.

Tessuti di recupero, filati naturali e atossici nel rispetto degli eco standard

Si tratta di tre creazioni sartoriali: un abito scivolato linea sirena, un modello romantico con scollatura all’americana e uno con lunghezze asimmetriche. Tutti saranno realizzati con tessuti che rispondono a rigorose certificazioni internazionali.

Il jacquard in cupro mano daino è certificato Grs-Global Recycle Standard. Il cupro, di origine vegetale, nasce già a fine Ottocento dal riciclo di un cascame dell’industria cotoniera. Negli ultimi anni il processo di eco-sostenibilità ha raggiunto livelli ancora più alti, prevedendo nella lavorazione il recupero di quasi tutti i materiali, grazie a un dinamico sistema di smaltimento dei rifiuti.

La lavorazione Entre-à-deux floreale in macramé è creata in esclusiva per Pignatelli e realizzata con filato di cotone Gots-Global Organic Textile Standard. La certificazione prevede che la fibra provenga da agricoltura biologica secondo il rispetto di criteri ambientali e sociali applicati a tutti i livelli della produzione. Il filato utilizzato è naturale, privo di sostanze tossicologiche. Anche l’organza è certificata Gots.

Tutti gli abiti sono infine foderati in saglia di viscosa, indicata per le caratteristiche di assorbimento e gestione dell’umidità, certificata Fsc-Forest Stewardship Council e realizzata con filato proveniente da foreste che corrispondono agli standard ambientali, sociali ed economici sui quali vigila una catena di custodia.

Articoli correlati

Givenchy “Teaser”, la capsule SS21 che segna il debutto di Matthew M. Williams

Valeria Torchio

Ines de la Fressange X UNIQLO, la capsule FW2020 che celebra Jane Birkin, Françoise Hardy e le fashion leaders anni ’70

Redazione

Dolce & Gabbana: Vanessa Incontrada è il volto della campagna curvy

Paola Pulvirenti

Lascia un commento