Wondernet Magazine
PERSONAGGI

Anya Taylor-Joy, da “La regina degli scacchi” all’horror “Last Night in Soho”

Anya Taylor-Joy da regina degli scacchi all'horror
La 25enne attrice e modella statunitense di origine argentina è la protagonista della cover story del numero di ottobre di “Tatler”. Fotografata da Jack Waterlot, Anya Taylor-Joy posa in meravigliosi abiti Dior, Tom Ford, Oscar de la Renta e Marc Jacobs con look della Swinging London

Protagonista di “The Queen’s Gambit” e ora del film horror più fashion dell’anno, Anya Taylor-Joy racconta a “Tatler” la sua vita, prima e dopo essere diventata una star globale.

E dopo aver interpretato l’eroina travagliata ma favolosamente vestita di “The Queen’s Gambit”, Anya Taylor-Joy torna ad indossare look vintage anche nel nuovo film “Last night in Soho”, un horror che in Italia uscirà il prossimo 4 novembre.

Anya Taylor-Joy da "Regina degli scacchi" all'horror
Anya Taylor-Joy sulla cover di Tatler di ottobre. Abito e soprabito Michael Kors Collection. Orecchini Oscar de la Renta. Anello Dior. Photo Credits: Jack Waterlot/Tatler©

Anya Taylor-Joy sulla cover di “Tatler” di ottobre 2021

Scritto e diretto da Edgar Wright, racconta la storia di Eloise, una ragazza che aspira a diventare una stilista ed è appassionata dalla Swinging London. Eloise scopre di avere una misteriosa connessione con una cantante dell’epoca, Sandy, attraverso la quale riesce a viaggiare negli anni Sessanta.

Anya Taylor-Joy da "Regina degli scacchi" all'horror
Abito Marc Jacobs. Scarpe Lanvin. Orecchini Goshwara. Guanti Miscreants. Photo Credits: Jack Waterlot/Tatler©

Un horror psicologico ambientato dunque negli anni Sessanta,  che fanno da ispirazione anche agli outfit scelti da Anya Taylor-Joy per l’intervista di copertina su Tatler di ottobre.

“In quel film ho indossato per la prima volta stivali bianchi”, confida a Tatler, “Ora vivo in loro”. Ci sarà quindi molta moda da ammirare nell’horror ambientato nella Londra del 1966

Per prepararsi ad interpretare il ruolo di Sandy, Anya racconta a Tatler di aver scovato la musica degli anni ’60 di cui si è innamorata, di aver letto il libro di Shawn Levy del 2002, “Ready, Steady, Go! The Smashing Rise e Giddy Fall of Swinging London” di aver avuto alcune rivelazioni durante il percorso. «Andy Warhol ed Edie Sedgwick sono stati davvero attivi e hanno lavorato solo per circa un anno e mezzo, il che mi fa impazzire», afferma. «Sembra che sia stato un periodo così lungo e influente, eppure è stato un fuoco di paglia. E la Londra degli anni ’60 era così».

Anya Taylor-Joy da "Regina degli scacchi" all'horror
Abito Michael Kors Collection, orecchini Oscar de la Renta. Photo Credits: Jack Waterlot/Tatler©

In “Last night in Soho” balla e canta

È un ruolo molto fisico quello di Anya nel nuovo film, dato che Sandy trascorre gran parte del suo tempo cantando o ballando.  Ma Anya Taylor-Joy ama sia cantare (nel film interpreta, tra le altre canzoni, anche “Downtown”, il successo del 1964 di Petula Clark) che ballare.

Anya ha preso lezioni di balletto «piuttosto sul serio» tra i tre e i 15 anni. È nata a Miami e cresciuta in Argentina (lo spagnolo è stato la sua prima lingua) da Dennis Taylor, un ex banchiere scozzese-argentino e Jennifer Joy, una psicologa inglese e spagnola. È la più piccola di sei figli (quattro fratelli più grandi provengono dal primo matrimonio di suo padre) ed aveva sei anni quando la famiglia si è trasferita nel Regno Unito.

Anya Taylor-Joy da "Regina degli scacchi" all'horror
Abito Dior. Photo Credits: Jack Waterlot/Tatler©

Era così sconvolta che si è rifiutata di imparare l’inglese fino all’età di otto anni. Lasciare l’Argentina «ci ha spezzato il cuore», ricorda. «È un mondo così sacro per tutti noi». Solo all’età di 14 anni ha imparato ad apprezzare ciò che i suoi genitori avevano fatto per la famiglia trasferendosi nel Regno Unito. «Mi sono scusata con loro perché ho iniziato a capire le opportunità a Londra», ricorda. «Avevo l’autonomia che non mi sarebbe stata necessariamente concessa in Argentina, quindi ne sono stata molto grata».

A “Tatler” Anya Taylor-Joy racconta anche il suo percorso nel mondo della recitazione e del suo rapporto con il successo. 

Anya Taylor-Joy da "Regina degli scacchi" all'horror
Abito Dior. Photo Credits: Jack Waterlot/Tatler©

“Last Night in Soho” è il suo secondo film di fila di tre estenuanti progetti consecutivi. Ha girato il ruolo principale nell’adattamento per il grande schermo di “Emma” (2020) di Autumn de Wilde, poi “Last Night a Soho” e subito dopo “The Queen’s Gambit”. «Sono sopravvissuta con Diet Coke, sigarette e caffè, e alla fine ho pensato: “Ho bisogno di mangiare una verdura”», racconta a “Tatler”.  Il successo di “The Queen’s Gambit”, che le ha fatto guadagnare un Golden Globe, l’ha colta di sorpresa. Ora Anja è una star internazionale, ed una delle attrici più richieste della sua generazione.

Anya Taylor-Joy da "Regina degli scacchi" all'horror
Abito Oscar de la Renta, guanti Miscreants. Photo Credits: Jack Waterlot/Tatler©

 

Articoli correlati

Lutto nel mondo del cinema: morto a 94 anni l’attore Michel Piccoli

Redazione

76mo Festival del Cinema di Venezia: tutte le attrici italiane premiate con la Coppa Volpi

Laura Saltari

Chiara Ferragni e Fedez in attesa del secondo figlio: l’annuncio del piccolo Leone su Instagram

Anna Chiara Delle Donne

Lascia un commento