Wondernet Magazine
PERSONAGGI

Amanda Gorman, la poetessa che ha recitato la sua poesia a Capitol Hill, sarà al Super Bowl

Tra i protagonisti di quest’anno al Super Bowl ci sarà anche Amanda Gorman. Il 7 febbraio si terrà l’appuntamento sportivo più atteso negli Stati Uniti, che è anche la trasmissione televisiva più seguita al mondo. La Gorman leggerà una poesia dedicata a tre persone che hanno dimostrato impegno e solidarietà durante la pandemia.

Amanda Gorman presenzierà il 7 febbraio al Super Bowl. Si tratta della giovanissima attivista e poetessa 22enne che ha incantato recitando “The hill we climbed” all’insediamento di Joe Biden il 20 gennaio scorso. Ora, per lei, è il turno del 55° Super Bowl, altro appuntamento attesissimo. Leggerà una poesia prima della partita  in programma a Tampa, in Florida, tra i padroni di casa dei Buccaneers e i Kansas City Chiefs.

La poesia, renderà onore a persone che hanno compiuto gesti straordinari e solidali nel corso della pandemia. Tra queste, spiccano un insegnante che ha raccolto laptop per darli a studenti poveri costretti a casa per la pandemia e un’infermiera che si è occupata di pazienti affetti da Covid.

Amanda Gorman parteciperà al Super Bowl

Amanda Gorman tra i protagonisti del Super Bowl

Il Super Bowl è l’appuntamento sportivo più atteso negli Stati Uniti, ma anche la trasmissione televisiva più seguita al mondo. Rappresenta molto più di una partita di football, è un vero e proprio evento carico di significati, un palcoscenico importante e invidiabile. Non è un caso tra i protagonisti quest’anno c’è anche Amanda Gorman, la 22enne attivista e poetessa. È stata la più giovane poetessa a partecipare a un’inaugurazione presidenziale, quella di Joe Biden lo scorso 20 gennaio, e, prima ancora, insignita nel 2017 del titolo di National Youth Poet Laureate. Ora, è pronta a collezionare un nuovo primato: prendere parte alla cerimonia che precede il Super Bowl.

Amanda Gorman parteciperà al Super Bowl

La poesia di Amanda Gorman sarà dedicata a tre persone che si sono distinte durante la pandemia

Ad annunciare questa notizia è la Nfl, l’Associazione nazionale americana di football che si occupa proprio dell’organizzazione dell’evento. La poetessa e attivista reciterà di fronte alle telecamere un componimento che vuole rendere omaggio a tre persone che hanno prestato servizio negli Stati Uniti durante la pandemia. Questi tre eroi, sono diventati simbolo di intraprendenza e dedizione. Nello specifico, si tratta dell’insegnante Trimaine Davis, la capo infermiera Suzie Dorner e il veterano dei marine James Martin«In questi tempi incredibilmente difficili Trimaine, Suzie e James hanno dato ognuno un esempio di leadership e impegno. Siamo molto grati di rendere loro omaggio». Questo quanto dichiarato dal commissario della Nfl, Roger Goodell.

Amanda Gorman parteciperà al Super Bowl

La Nfl ha scelto Amanda Gorman anche per i programmi di inclusione attivati dall’Associazione

L’impegno della Nfl sui temi dell’unità e della rappresentazione viene dopo le polemiche scaturite a partire dal 2016. Quell’anno, aveva impedito ad alcuni giocatori, a partire da Colin Kaepernick, di inginocchiarsi durante l’inno nazionale in segno di protesta contro le politiche razziste di Donald Trump. Negli anni scorsi, l’associazione ha attivato diversi programmi di inclusione. La scelta di una personalità come Gorman è un altro passo in questo senso. Il Super Bowl 2021 si gioca il 7 febbraio con un pubblico ridotto per via del coronavirus a soli 22mila spettatori, di cui 7500 operatori sanitari che sono già stati vaccinati in queste settimane. Ad animare l’attesissimo halftime musicale quest’anno, è l’artista canadese The Weeknd. Il rischio che la rivelazione Amanda Gorman gli rubi platealmente la scena è alto.

 

 

Articoli correlati

Angelina Jolie: «Fiera dei miei figli, ma non sono una mamma casalinga tradizionale»

Ileana Cirulli

Lodo Guenzi sulle discoteche: «Chiuderle dopo Ferragosto come guardare Sanremo quando Bugo è già andato via».

Giusy Dente

Stephen King rassicura i suoi lettori: «Il Coronavirus non è come L’ombra dello scorpione, ne usciremo»

Giusy Dente

Lascia un commento