Wondernet Magazine
PERSONAGGI

Roberto Bolle: «Nel 2022 smetto di danzare e vado in pensione»

Roberto Bolle: «Nel 2022 vado in pensione»
Protagonista del programma Stories, in onda questa sera alle 21 su Sky Tg24, Roberto Bolle ha scherzato sul suo futuro di “pensionato”.

In un’intervista al vicedirettore di Sky TG24 Omar Schillaci in “Roberto Bolle – L’attimo sospeso”, il nuovo appuntamento di Stories, il ciclo di interviste dedicate al mondo dello spettacolo di Sky TG24, l’Étoile ha parlato del suo futuro.

Roberto Bolle: «Ho 45 anni, quindi sto per andare in pensione»

«I ballerini vanno in pensione a 47 anni – ha detto -. «Io ne ho 45, quindi sto per andare in pensione, andrò in pensione ad aprile 2022. Secondo me è un buon compromesso. Fa strano dire che a 47 anni qualcuno vada in pensione, come età umana si è giovani, ma come età tersicorea in realtà non si è più così giovani.  Iniziamo a ballare a livello professionistico quando abbiamo 19 anni e entriamo in compagnia. Iniziamo la scuola quando abbiamo 11 anni, adesso sono trent’anni che faccio questo lavoro e che spingo il mio fisico al massimo, ad altissimi livelli, chiedendo ogni giorno di più. Ma finché il fisico me lo consentirà andrò avanti».

Roberto Bolle: «Nel 2022 vado in pensione»

L’intervista andrà in onda questa sera alle 21 su Sky TG24. Sarà anche su Sky Arte venerdì 4 dicembre alle 15.30, e disponibile On Demand.  “Roberto Bolle – L’attimo sospeso” ripercorre la strabiliante carriera dell’étoile, che ha pubblicato il libro “Parole che danzano”.

Roberto Bolle: «Nel 2022 vado in pensione»

La danza ai tempi della pandemia

Durante l’intervista, Roberto Bolle riflette anche sull’effetto che la pandemia sta avendo sullo spettacolo, e anche sulla danza:  «Il mondo dello spettacolo dal vivo – ricorda – è colpito: chi è davanti, ma soprattutto i tantissimi lavoratori che stanno dietro, le tante famiglie che vivono di questo. Sono migliaia di persone in situazioni veramente drammatiche, tanti spettacoli sono cancellati per mesi, non è una situazione a breve termine, ma a lungo termine. Nella danza in questo momento la parte del contatto fisico è quella che manca. Per tutti, ma per un ballerino ancora di più. Siamo abituati ad avere una fisicità molto importante. Dover rinunciare a questa parte, limitarla al massimo, è necessario ma altrettanto difficile».

 

 

Articoli correlati

Beppe Convertini ha festeggiato 49 anni con una cena su una terrazza di Roma

Redazione

Nadia Toffa, mamma Margherita dice: «La nipotina è uguale a lei, è stata un suo dono»

Redazione

Ed Sheeran papà per la prima volta: è nata Lyra Antarctica

Valentina Turci

Lascia un commento