Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Dior: lo show Primavera/Estate 2022 è inno alla libertà degli anni ’60, fra colori e arte

Alla Parigi Fashion Week per la SS22 Maria Grazia Chiuri si è ispirata alla libertà delle creazioni degli anni 60 del direttore creativo di Dior, Marc Bohan

In un momento in cui non siamo ancora fuori dalla pandemia Dior ha deciso di prendere spunto dal suo archivio. Alla Parigi Fashion Week Maria Grazia Chiuri ha immaginato un legame fra la SS22 e il decennio che più di ogni altro ha parlato di rivoluzione: gli anni ’60. E con un heritage prezioso come quello della maison Dior, il riferimento non poteva che essere al couturier che negli anni 60 fino poi al 1989, ha tenuto altissimo il nome della maison: Marc Bohan.

Il direttore creativo ha riportato la maison nella tradizione del suo fondatore, ottenendo una grande riconoscenza dalle riviste di moda grazie allo Slim Look del 1961, che fece scrivere a l’Aurore del 27 gennaio 1961: «It makes a complete change in fashion, just as The New Look did in 1947».

Dior, lo show SS22 alla Paris Fashion Week

Dior Primavera/Estate 2022

Lo show SS22 di Dior è andato in scena su una passerella a spirale super colorata simile a un gioco dell’oca. La moda è come un gioco. La sfilata come performance. La scenografia infatti è opera della creativa Anna Paparatti, un’artista italiana degli anni 60. Il gioco del nonsenso è la parola-slogan che si rincorre sulle pareti della sala. La musica live Il quadro di Troisi. Le modelle si muovono sui gradini con un ritmo cadenzato prima che tocchi a loro sfilare. 

E i capi in passerella? Da quel mondo, fatto di novità e di libertà, Maria Grazia Chiuri ha preso il taglio ad A degli abiti e i grafismi puntando sul color block in un tripudio di nuance accese:  giallo, verde, rosso, marine, arancio, framboise. Al centro di tutto i capispalla, che includono micro giacche dal fit boxy, e che diventano l’involucro cocoon di abiti, bermuda, gonne e shorts. Il capo icona? I foulard in seta dai colori vibranti con fiori o in versione animalier. Abiti dalle linee semplici e minimali, neri o in colori vivaci e dal tocco sensuale, ma sempre monocolore. Creazioni eleganti, femminili, decisamente uniche!

Articoli correlati

Moschino, la nuova collezione sfilerà in presenza il 9 settembre a New York

Paola Pulvirenti

La sfilata Autunno Inverno 2020-21 di Valentino alla Paris Fashion Week

Redazione

Gucci, la nuova collezione sfilerà il 3 novembre a Los Angeles

Paola Pulvirenti

Lascia un commento