Wondernet Magazine
Musica

#iolavoroconlamusica: la mobilitazione social di cantanti, musicisti e addetti ai lavori

Ogni anno il 21 giugno, per celebrare il solstizio d’Estate, si svolge la Festa della Musica. Sono tanti gli artisti italiani, da Vasco Rossi a Jovanotti, da Emma Marrrone a Malika Ayane, che rivolgono un appello al governo via social. Rivendicano la stessa dignità e gli stessi diritti degli altri lavoratori.

Tra i tanti decreti che hanno interessato quasi tutti i settori dell’economia italiana, il Governo non ha finora preso in considerazione il settore degli eventi dal vivo. Nessuna delle istanze presentate dagli artisti per la ripartenza è stata presa in considerazione. I concerti sono stati tutti annullati, e  lavoratori del  settore sono in forte emergenza. Così da ieri un folto gruppo di cantanti e musicisti italiani ha dato il via ad una mobilitazione social: #iolavoroconlamusica. Vasco Rossi, Gianna Nannini, Jovanotti, Laura Pausini, Irene Grandi, Malika Ayane, Diodato, Levante, Max Gazzè, Brunori Sas, Piero Pelù, Enico Nigiotti e molti altri hanno pubblicato sui social un loro selfie. 

View this post on Instagram

21 giugno festa #senzamusica #iolavoroconlamusica “Senza la musica la vita sarebbe un errore “ Friedrich Nietzsche 🤟🏻💥🚀 Nella musica lavorano in tanti, non solo i musicisti e i cantanti. La musica fa cultura, educa, emoziona, intrattiene e se non bastasse, produce economie importanti (il solo comparto cultura sarà il 16% del PIL) dando lavoro a decine di migliaia di persone che oggi, causa Covid-19, rischiano di restare a casa. Sappiamo che ci sono delle proposte di emendamento al DL rilancio che ci riguardano. Chiediamo che la politica non li ignori, adoperandoci al più presto per dare finalmente dignità a tutti coloro i quali lavorano per il bene della musica. #IoLavoroConLaMusica #SenzaMusica vascorossi #6come6 #il_blasco_fan_club #memories #musica #ilgeniodizocca #ilredeglistadi #rock #ilrecordmondiale #nomusicnolife #lamusicacisalverà

A post shared by Vasco Rossi (@vascorossi) on

L’iniziativa social ha coinvolto anche addetti ai lavori del settore, meno noti dei cantanti ma molto più numerosi. Tra le mani stringono un foglio con scritto nome e cognome, professione, e l’hashtag #iolavoroconlamusica. 

Chiedono sostegno ai Ministri. “Nessuno degli emendamenti al dl Rilancio che riguardano la Musica è stato segnalato per la discussione in Parlamento. Le istanze del nostro settore devono essere discusse e inserite per la conversione del Decreto. Chiediamo a gran voce che d’ora in avanti il Governo tenga conto delle reali esigenze di un settore che produce Cultura, contribuisce all’economia del paese e conta centinaia di migliaia di lavoratori che hanno diritto alla stessa dignità degli altri”.

Questo messaggio con il quale i musicisti hanno chiesto al Parlamento di prendere in esame gli emendamenti del settore musica nel decreto Rilancio “ad oggi ignorati”. Perché la festa della musica, il 21 giugno, non diventi una Festa #senzamusica. 

Articoli correlati

Rino Gaetano: per i 70 anni dell’artista, un disco realizzato con Cocciante e tutte le canzoni su Amazon Music

Redazione

Edoardo ed Eugenio Bennato: «”La realtà non può essere questa”, una ballata per trasmettere le buone vibrazioni del futuro»

Redazione

“Volente o Nolente”, il nuovo duetto di Ligabue con Elisa

Redazione

Lascia un commento