Wondernet Magazine
MUSICA Outfit PERSONAGGI

Amy Winehouse, un’icona fashion intramontabile

Sono trascorsi 8 anni dal 23 luglio del 2011, quando una delle voci più belle del panorama musicale internazionale veniva ritrovata priva di vita nella sua casa di Camden Town, a Londra, a seguito dell’ingestione di un mix letale di alcol e farmaci.

Nata a Londra il 14 settembre 1983, Amy Winehouse debutta nel 2003 con l’album “Frank”. Il successo e la popolarità mondiale arrivano nel 2007 con “Back to Black”, che è l’album più venduto nel Regno Unito nel primo decennio del Duemila. L’anno successivo Amy sbanca letteralmente la 50° edizione dei Grammy Awards, riportando quattro vittorie su cinque nomination. Il singolo “Rehab” ha scalato le classifiche di tutto il mondo, vendendo oltre due milioni di copie soltanto negli USA. Il suo timbro vocale profondo e graffiante e il suo stile musicale che fonde musica soul e jazz l’hanno collocata in breve tempo nell’olimpo degli artisti di primo piano.

Il successo ha amplificato le sue fragilità

L’enorme successo e le pressioni da parte dello star system, però, non hanno fatto altro che aggravare i problemi psicologici che Amy combatteva con un consumo smodato di alcol e droghe, assunti anche contemporaneamente. Fu lei stessa ad ammettere, in un’intervista al News of The World, di aver assunto .    mix di eroina, cocaina, estasi, ketamina, whisky e vodka. Nel novembre del 2007 fu arrestata in Norvegia per detenzione di marijuana. Qualche giorno dopo, si esibì a Birmingham in evidente stato di alterazione. Un’escalation inarrestabile di problemi, sia di salute che con la giustizia. Una spirale che l’ha avvolta, e l’ha condotta purtroppo a morire a soli 27 anni.

Il suo stile, unico e inconfondibile come la sua voce

Oltre ad essere stata una delle artiste femminili più brave ed acclamate al mondo, tanto da essere paragonata a Ella Fitzgerald e Billie Holliday, Amy Winehouse ma ha saputo imporsi anche come una vera e propria fashion icon. Ha creato uno stile originale e tutto suo, fatto di abiti anni ’50 indossati con anfibi o lingerie a vista, accessori appariscenti. Ha riportato in voga l’acconciatura cotonata anni Sessanta, che lei personalizzava con fermagli gioiello, foulard o rose. Anche per quanto riguarda il trucco Amy ha sempre preferito fare tutto da sola, senza ricorrere a un make up artist: una riga marcata di eye-liner nero, che terminava con una virgola all’insù,  matita e tanto mascara. Uno stile unico, inconfondibile tanto da diventare iconico e da influenzare anche il fashion system.

Alla fine del 2010 la Winehouse inizia una collaborazione con il marchio britannico Fred Perry, per il quale disegna una collezione composta da T-Shirt, gonne, borse, guanti e cinture che rispecchiano totalmente il suo stile della cantante. Nel 2012 il couturier francese Jean Paul Gaultier ha reso omaggio alla cantante scomparsa dedicandole un’intera collezione e facendo rivivere i suoi look in passerella. Insomma, Amy Winehouse è stata e resterà per sempre un’icona di stile e una grande fonte di ispirazione per il mondo della moda.

 

Articoli correlati

I capricci delle star: da Mick Jagger a Madonna, ecco le richieste più bizzarre dei vip

Laura Saltari

Zucchero “Sugar” Fornaciari ospite del “Rainforest Fund 2019” organizzato da Sting per proteggere le foreste pluviali

Redazione

Kasia Smutniak incanta Venezia in abito Valentino

Laura Saltari

Lascia un commento