Wondernet Magazine
Fashion Portraits

Capricciosa, carismatica, divina: Naomi Campbell, la Venere Nera

Naomi Campbell, la Venere Nera
Un corpo perfetto, una sensualità felina ed un carisma innato: Naomi Campbell, unica e inconfondibile Venere Nera. Una carriera straordinaria, ancora oggi è tra le più importanti ed influenti personalità nel mondo del fashion.

Naomi Campbell ha incarnato la rivincita delle modelle di colore, ha sfilato ed è stata testimonial dei più grandi marchi al mondo e, ancora oggi, è un’icona femminile e fonte di ispirazione per le generazioni future.

Naomi nasce a Londra, nel quartiere Streatham, il 22 maggio 1970 da Valerie Morris, una ballerina diciottenne di origini giamaicane. Crescerà una bambina dal temperamento deciso che, in accordo proprio con la madre, non conoscerà mai il padre, sparito poco dopo l’inizio della gravidanza.

Esordisce a soli 15 anni quando, nel 1986, appare per la prima volta sulla copertina di Elle, fotografata da Marc Hispard. L’anno successivo posa il per il calendario Pirelli e nell’agosto del 1988 è la prima donna di colore ad apparire sulla copertina di Vogue. Sarà questo l’inizio di una carriera piena di successi e soddisfazioni per una ragazza dal temperamento deciso che infrangerà numerosi tabù, determinata a lasciare un segno nel mondo della moda dell’epoca.

«Mi piacciono la trasformazione, il reinventarsi, l’essere un camaleonte. Non mi piace quello che è prevedibile»

Naomi Campbell

Naomi, la musa di Gianni Versace

La consacrazione arriva nel 1991 quando sfila per Gianni Versace, diventando la top model più desiderata del momento. Nel giro di pochi anni, calca le passerelle delle più importanti maison di moda e posa per le campagne pubblicitarie di tutti i più famosi marchi. Poserà anche per Playboy e sarà all’interno del libro fotografico firmato da Madonna, Sex.

«Guadagno tantissimi soldi e valgo ogni singolo centesimo»

Naomi Campbell

Inserita da People tra le 50 persone più belle del mondo, Naomi Campbell è stata una delle super model che negli anni ’90, insieme a nomi come Claudia Schiffer, Cindy Crawford, Linda Evangelista, hanno rivoluzionato le regole del mondo della moda, segnando definitivamente l’inizio di una nuova era.

Naomi Campbell, la Venere Nera

Legatissima a Gianni Versace, che insieme ad Azzedine Alaia, altra figura di riferimento maschile nella sua vita, considerava quel padre che non ha mai conosciuto, per Naomi la sua morte è stato un colpo durissimo. Ha conservato un rapporto di grande amicizia con Donatella, e nel 2017 è tornata in passerella in occasione del 20esimo anniversario dalla scomparsa dello stilista.

Naomi Campbell, la Venere Nera

Una vita tra eccessi e successi

La vita privata di Naomi Campbell è sempre stata al centro del gossip, sia per i suoi amori burrascosi sia per il suo carattere piuttosto “infiammabile”. Tra le sue storie più famose quella con Adam Clayton, bassista degli U2, con l’imprenditore Flavio Briatore, con Matteo Marzotto, con il magnate russo Vladimir Doronin e con il rapper Puff Daddy. Moltissimi, invece, i flirt che le sono stati attribuiti: Jean-Claude Van Damme, Joaquin Cortés, Mike Tyson, Kevin Spacey.

«Sono un bersaglio facile. Ho la fama di avere un brutto carattere e la gente ci crede»

Naomi Campbell

Come spesso accade, l’enorme successo non ha risparmiato alla super modella momenti di estrema difficoltà. Nel 1999, infatti, entra in riabilitazione per dipendenza da alcol e cocaina. «Sono una sopravvissuta», dichiarerà qualche anno più tardi, definendosi «una tossicodipendente in via di guarigione e un’alcolista in via di ripresa».   

Naomi Campbell, la Venere Nera

Naomi tra moda, attivismo e impegno sociale 

Naomi Campbell non è solo una delle più famose top model di sempre: è anche attrice, cantante, imprenditrice, e soprattutto una donna estremamente impegnata nel sociale. Amica di Nelson Mandela, Naomi è da sempre attiva in molte associazioni per la lotta alla fame in Africa ed è protagonista di molte iniziative per supportare persone in difficoltà economiche e sociali.

Nel 2005 ha partecipato agli aiuti per i sopravvissuti all’uragano Katrina mentre, ogni anno, organizza un evento di beneficenza per raccogliere fondi per diverse organizzazioni (Save the Children e Mayor’s Fund for London, per citarne alcune). 

Nel 2019 invece ha indossato un abito disegnato su misura per lei dalla designer nigeriana Mowalola Ogunlesi per sensibilizzare sul tema della sicurezza e del controllo delle armi negli Stati Uniti. Un abito bianco con una macchia rossa, a richiamare il sangue provocato da una ferita da arma da fuoco.

Naomi Campbell, la Venere Nera

Sempre nel 2019, durante i British Fashion Awards, ha ricevuto il premio Fashion Icon per il suo contributo e la sua attività nell’industria della moda.

«Nessuno è più meritevole di Naomi Campbell, ha fatto un lavoro incredibile nel settore Moda. Naomi rappresenta l’empowerment femminile, l’attivismo e il glamour e la sua voce ha grande impatto sul mondo». Con queste parole l’amministratore delegato del British Fashion Council, Caroline Rush, spiegò il premio conferito alla top model.   

La sorpresa di qualche giorno fa

L’altro ieri, alla soglia del suo 51esimo compleanno, la Venere Nera ha pubblicato uno scatto sui social che ha lasciato tutti a bocca aperta. La foto delle sue mani che avvolgono i piedini di una neonata definita «una bellissima piccola benedizione». 

L’annuncio ha stupito tutti, anche se Naomi ha sempre affermato di voler diventare mamma, come aveva dichiarato nel 2017 all’Evening Standard: «Penso ogni giorno ad avere dei figli, ma per il livello raggiunto dalla scienza ora credo di poterlo fare quando voglio».

Articoli correlati

Vivienne Westwood, gli 80 anni della Regina della moda britannica

Cristina Pedrotti

Edie Sedgwick: la musa di Andy Warhol raccontata dalla voce di chi l’ha conosciuta

Cristina Pedrotti

Yves Saint Laurent e le sue muse, Loulou de la Falaise e Betty Catroux: l’ispirazione degli opposti

Cristina Pedrotti

Lascia un commento