Wondernet Magazine
Fashion Portraits

Cristóbal Balenciaga: il genio che ha dominato la Haute Couture del XX secolo

Cristóbal Balenciaga, fondatore dell’omonima maison, è da considerarsi uno fra i più grandi talenti della moda di tutti i tempi. La sua storia e le origini del suo mito

Al giorno d’oggi, Balenciaga è uno dei brand leader del settore luxury, sotto la guida dell’art director Demna Gvasalia.

Ma all’origine del brand, prima del successo popolare, c’era Cristóbal Balenciaga. Uno dei talenti più grandi del mondo della moda, fonte d’ispirazione per numerosi designer.

Cristóbal Balenciaga: la vita e le origini del mito

Cristóbal Balenciaga nasce nel 1895 a Getaria nei Paesi Baschi, in Spagna. Figlio di due artigiani, la madre lavora come sarta per l’élite della società nella sua città. Cristóbal ha una naturale attitudine verso il mondo della moda e viene notato da un nobildonna cliente della madre. Grazie alla Marchesa Blanca de Aragón y Carrillo de Albornoz, che finanzia i suoi studi di moda a Madrid, inizia una leggendaria e fulminante carriera.

Tutte le donne dell’alta società vogliono vestire Balenciaga, che apre al numero 10 di Avenue George V la sua prima boutique parigina. Per oltre un trentennio Balenciaga è una firma simbolo di una moda sofisticata ed elitaria. Con una precisione maniacale, il sarto cuce ogni suo abito in modo magistrale.

«L’unico vero couturier, in fondo, era lui, gli altri sono solo fashion designer»

Coco Chanel

Il couturier che gioca con forme e geometrie

Le sue creazioni sono perfette e irripetibili, cucite su misura e disegnate sulla base del corpo che le indosserà. Un successo che però si contrappone al carattere schivo del designer, che rilascia pochissime interviste e si concede con pochi. Per Cristóbal esiste la moda e basta.

«Cristóbal è il maestro di tutti», ha affermato il suo eterno rivale Christian Dior. Il suo apporto alla moda è stato rivoluzionario ed inestimabile. La silhouette dell’abito viene completamente rivista, come avviene con l’iconico cappotto quadrato. Spalle larghe e forme squadrate, Cristóbal Balenciaga gioca e crea con le geometrie opere d’arte su misura.

«Cristóbal Balenciaga è l’architetto della Haute Couture»

Hubert de Givenchy

Grace Kelly, Greta Garbo, Jackie Kennedy sono solo alcune delle celebrità che hanno sfoggiato abiti Balenciaga. Il couturier, genio della moda e re della Haute Couture non ha mai voluto adattarsi alla direzione che la moda stava prendendo con l’avvento del prêt-à-porter. Infatti, nel 1968, decide improvvisamente di ritirarsi. Dopo qualche anno, nel 1972, muore all’età di 82 anni ad Alicante. Cristóbal Balenciaga è sepolto a Getaria, sua città natale. Nella stessa città è stato istituito un museo a lui dedicato, il Museo Balenciaga, con all’interno circa 1200 pezzi delle sue collezioni.

Il brand oggi fa parte del gruppo Kering ed è piuttosto lontano dall’ idea di moda esclusiva che predicava Cristóbal Balenciaga. Tuttavia, grazie ad un lavoro di ricerca negli archivi e nell’heritage del marchio, Demna Gvasalia ha voluto riproporre nel 2021, dopo ben 53 anni, una sfilata di Haute Couture. Uno sguardo al passato ed un grande tributo al maestro di tutti gli stilisti.

Articoli correlati

Benedetta Barzini: il fascino che resta immutato nel tempo

Cristina Pedrotti

Grace Coddington, da modella a leggenda di Vogue

Marcello Morgese

Gilda Ambrosio, da It Girl a fashion designer di successo con The Attico

Marcello Morgese

Lascia un commento