Wondernet Magazine
INTERVISTE

COS, City of Stars: un progetto a tutela degli artisti e dei professionisti in ambito sportivo

COS, City of Stars, è nata da un’intuizione di Pierpaolo Grisetti e Massimo De Angelis, dottori commercialisti con un’esperienza ventennale. Insieme hanno pensato di creare un team di consulenti esperti nei settori dello spettacolo, dello sport e dell’arte.

Questa idea si è concretizzata nel progetto COS – City of Stars Consulting. Il progetto dà vita a collaborazioni con professionisti del settore. In particolare viene coinvolto un giovane compositore e noto avvocato con una grande expertise nella contrattualistica in ambito interno e a livello internazionale. Attraverso le parole di Pierpaolo Grisetti, capiamo meglio di cosa si occupa questa realtà.

Cosa fanno nello specifico i professionisti di COS?

I professionisti di COS – City of Stars Consulting s’impegnano nella tutela della figura dell’artista. Ciò richiede competenze appropriate, difficili da reperire sul mercato. Si occupano di consulenze legali e tributarie dei diritti economici degli artisti, della gestione e valorizzazione economica degli stessi. Tutti temi che richiedono un’approfondita e peculiare conoscenza. Propongono delle soluzioni ottimali allo stesso artista, dando un aiuto concreto nel districarsi in ambito legale, tributario e di gestione e conservazione del patrimonio.

A quali professionisti si rivolge COS Consulting?

COS si rivolge prevalentemente ai professionisti del settore della musica e dello spettacolo ma si occupa anche dell’ambito sportivo, tradizionale o virtuale. In particolare presta attenzione all’evoluzione e all’affermarsi delle figure professionali del web. 

COS - City of Stars
Il dott. Pierpaolo Grisetti di COS – City of Stars

CODS si occupa anche dei professionisti che svolgono la propria attività online?

Certamente. C’è grande attenzione da parte di COS nel monitorare l’evoluzione del web e delle figure professionali che svolgono la propria attività on line. È una realtà che riveste oggigiorno grande importanza, ed è in continua evoluzione. Sono figure professionali che richiedono una specifica formazione, come quelle dei Blogger, Influencer, Social Media Marketer, Seo, Sem, che creano reddito dalla digital communicaton.

COS si rivolge anche ai professionisti E-Sport che propongono corsi e seminari di molteplici attività sportive in modalità web, con ricavi che possono raggiungere livelli importanti. Lo stesso E-Sport, a breve, entrerà a far parte delle discipline olimpiche e ciò renderà necessario il trovare una forma di tutela legale e tributaria per gli stessi sportivi che la praticheranno. 

COS è impegnata in una continua formazione e partecipa attivamente alle commissioni volte al finalizzare un inquadramento a livello tributario a tutela di queste nuove figure professionali.

In che modo vi occupate di talenti emergenti? Essendo tali, necessitano di un tipo di approccio e/o consulenza diversi? 

I talenti emergenti sono coloro da tutelare maggiormente, proprio perchè sono all’inizio della loro carriera. È di fondamentale importanza studiare e valutare attentamente le clausole contrattuali che permettono loro di entrare a far parte del mondo dello spettacolo, dell’arte o dello sport. COS si pone l’obiettivo di affiancare i talenti emergenti salvaguardandoli nella trattativa per la sottoscrizione dei primi contratti a tutela degli interessi di tutte le parti coinvolte. Ciò comporta un’approfondita conoscenza delle regole del settore al fine di proporre la soluzione ottimale sia a livello contrattuale, tributario sia per la tutela delle opere create dallo stesso artista e/o dal suo marchio artistico. Un contratto privo di tutele o il mancato deposito delle opere o dell’iscrizione alle società di raccolta del diritto può comportare importanti perdite economiche. 

L’approccio di COS è quindi volto ad affiancare un artista, sin dall’inizio della sua carriera, ottimizzandone le potenzialità dal punto di vista economico e patrimoniale.

COS - City of Stars
Il dott. Massimo De Angelis di COS – City of Stars

La tutela degli artisti è la priorità di COS, ancor più in questo momento di difficoltà dovuto all’emergenza Covid-19. Come COS ha sostenuto gli artisti che stanno vivendo un periodo di blocco forzato prolungato rispetto ad altre categorie? 

In questo periodo di blocco prolungato dovuto all’emergenza COVID-19, gli artisti hanno avuto un ruolo importante. Pur non potendo esercitare la loro professione nelle “normali” condizioni, molti coloro che, rispettando le norme di sicurezza e utilizzando il web ed i propri canali social, hanno offerto performance a sostegno del proprio Paese, perlopiù a scopo benefico. Un segnale forte.  

COS Consulting, ha voluto dare il proprio contributo, facendosi promotrice di attività solidali e tutelando l’immagine “sociale” dello stesso artista quale attore primario di tale scenario. Ma non solo. 

COS ha, nonostante il lockdown, continuato la propria attività di supporto allo sviluppo artistico e professionale degli artisti riuscendo a portare a termine significativi accordi con le principale “major” ed essere così già proiettati alla nuova fase di ripartenza post Covid-19. Obiettivo principale: tutelare gli interessi di tutti le parti in causa sia nell’eventualità di un ulteriore periodo di fermo sia nel caso di una lenta ripresa.

Potete svelarci i nomi di alcuni degli artisti che fanno parte della realtà di COS?

Il parterre di artisti che sono assistiti da COS: cantanti, compositori, creatori di jungle pubblicitari, attori, DJ, direttori di orchestra, modelli e designer. Da non dimenticare i manager degli stessi artisti e alcune case editrici. 

Artisti, che possiamo svelare, e che sono assistiti da COS: il modello e designer italiano Marco Castelli, il cantante Fred De Palma, Eddy Veerus del gruppo musicale Il Pagante, i DJ Merk & Kremont e Giolì & Assia, il produttore Takagi, l’attrice Sarah Falanga ed il manager Mattia Zibelli.  Da citare anche la recente collaborazione con i managers promoters americani Ian LaPlace e Zach Partin, volta alla corretta applicazione delle norme legate alla convenzione contro le doppie imposizioni ed alla contrattualistica internazionale.

Articoli correlati

Diana Del Bufalo: «A trent’anni ho imparato a capire cosa voglio, e a non farmi più fregare»

Anna Chiara Delle Donne

Francesca Figus: «In “Passeggeri notturni” sono una zia carismatica e fuori dal comune»

Anna Chiara Delle Donne

Matteo Faustini: «A Sanremo porto un brano che parla dell’amore puro. Tra i big faccio il tifo per Levante» 

Anna Chiara Delle Donne

Lascia un commento