Wondernet Magazine
SOLIDARIETÀ

La storica Pasticceria Al Duomo di Padova ha regalato i dolci ai suoi clienti

La storica Pasticceria Al Duomo, situata in Via Vandelli 2, nel cuore di Padova, questa mattina ha regalato i dolci ai suoi clienti.

La Pasticceria Al Duomo di Padova è un altro esercizio commerciale che, nel mettere in atto le disposizioni dell’ultimo Dcpm, ha voluto compiere un gesto di generosità e di solidarietà nei confronti della sua clientela, che da anni ogni mattina va a fare colazione o ordina le prelibatezze della pasticceria artigianale.

«Quando ieri sera siamo venuti a conoscenza delle ultime disposizioni del Governo per cercare di arginare l’emergenza», ci dice uno dei proprietari della Pasticceria al Duomo, il signor Michele Tadiotto, «il nostro primo pensiero è stato che sarebbe stato un vero peccato dover buttare via le paste e i dolci prodotti dal nostro laboratorio. Così abbiamo pensato di regalare tutto ai nostri clienti».

Questa mattina il signor Tadiotto e il personale della Pasticceria Al Duomo hanno aperto il locale prima delle 06:30. Fino alle 9:00 hanno distribuito gratis alle persone che passavano in via Vandelli le loro brioches, i ferri di cavallo e tutte le altre prelibatezze, che di solito si gustano seduti al tavolino con un cappuccino o un bel the fumante.

«Siamo molto rattristati per questa situazione, dice ancora il signor Michele, e speriamo che passi in fretta. L’importante è che tutti facciano il proprio dovere e si attengano alle disposizioni date dal governo italiano. Solo così tutti noi potremo tornare alla nostra normalità, alla nostra quotidianità».

E la Pasticceria Al Duomo tornerà ad essere il punto di ritrovo preferito dai padovani e dai turisti per la loro colazione.

Articoli correlati

Il mondo della moda unito nella lotta al Coronavirus: tutte le iniziative in atto, da Burberry a Versace

Redazione

Manila Grace a fianco delle donne con la capsule “Call for Women”

Redazione Moda

“Ma il cielo è sempre più blu”: 50 artisti cantano Rino Gaetano a supporto della Croce Rossa 

Redazione

Lascia un commento