Wondernet Magazine
MODA

Gilberto Calzolari sostiene la riapertura dei luoghi di cultura e sfila dal Teatro Franco Parenti di Milano

Gilberto Calzolari sfila dal Teatro Parenti di Milano
In occasione della Milano Fashion Week Gilberto Calzolari lancia un messaggio di solidarietà nei confronti della situazione che stanno vivendo i teatri e i luoghi di cultura in Italia.

Ieri sera 22 febbraio l’iniziativa “Facciamo luce sul teatro” ha illuminato come per magia, per una notte, molti teatri italiani. Ma l’attenzione deve restare alta anche nei prossimi giorni. Per questo alcune maison di Moda accendono i riflettori sul teatro. Valentino ha annunciato ieri che il 1° marzo sfilerà dal Piccolo Teatro di Milano, intitolato a Giorgio Strehler. E Gilberto Calzolari presenta la nuova collezione FW 2021-22 dal Teatro Franco Parenti di Milano. La collezione si intitola “At This Stage”, ed il titolo ha un doppio significato.

Gilberto Calzolari “At This Stage”

Da un lato quello letterale. “At This Stage” significa infatti “Presso questo palcoscenico” (presso, non sopra, per porre attenzione anche alle platee, oggi purtroppo vuote). Per questo motivo, il video della collezione è stato interamente girato all’interno del Teatro Franco Parenti di Milano, per gentile concessione della direttrice artistica Andrée Ruth Shammah. Ha dichiarato Calzolari: «La scelta della location non è assolutamente casuale: teatri, cinema, musei e luoghi di cultura sono chiusi da troppo tempo. Ne abbiamo bisogno come l’aria per respirare. Con tutte le misure di sicurezza necessarie, chiediamo a gran voce che vengano riaperti il prima possibile!»

Gilberto Calzolari sfila dal Teatro Parenti di Milano

Una riflessione sull’epoca che stiamo vivendo

Ma il titolo della collezione ha anche un’altra lettura, quella più comune. “At This Stage” significa infatti “A questo punto”. una riflessione su questo momento – dove siamo e dove vogliamo andare – in un periodo che ha costretto tutto noi a riflettere e a tornare alle basi, all’essenza. Proprio per questo motivo, Calzolari ha voluto concentrarsi sul suo DNA, e riscrivere il suo alfabeto colorato e vibrante all’insegna della sostenibilità e di una ritrovata femminilità. Una collezione confortevole e giocosa che, senza mai rinunciare all’eleganza, rivelasse una disinvoltura sensuale nell’assemblare i vari capi.

Gilberto Calzolari sfila dal Teatro Parenti di Milano

«Ho sempre posto l’accento sui contrasti, li trovo interessanti e vitali, e soprattutto, riflettono le contraddizioni della nostra esistenza», dice Calzolari.«Così, in questa collezione ho voluto far collidere sobrietà ed eccentricità, rigore e scatti di follia, un po’ come sono le nostre vite in questo periodo. Volevo trasmettere un romanticismo malinconico verso ciò che non sarà più, ma anche una sensazione di ribellione e di energia, di voglia di reagire e di fare, verso un futuro libero da tutte le costrizioni del momento».

Un invito quindi alla speranza e a guardare al futuro in maniera consapevole. Un futuro che deve ripartire proprio dai luoghi d’arte e di cultura, che rappresentano il meglio che questo Paese ha donato al mondo. Un motivo di grande orgoglio che non va dato per scontato e che va difeso e tutelato, proprio come il made in Italy.

Articoli correlati

Le it-bag dell’Autunno 2020: dalla Jackie di Gucci alla Capucines di Vuitton, le proposte luxury per la prossima stagione

Valentina Turci

Vuitton: i BTS sfilano per la prima volta a Seul con la collezione Uomo

Redazione Moda

Moschino: Karen Elson è il volto del fashion film musical della Resort 2022

Paola Pulvirenti

Lascia un commento