Wondernet Magazine
MODA

Stella McCartney firma con Candiani il primo jeans biodegradabile

stella mccartney jeans
Il mondo della moda sta prestando un’attenzione crescente alle tematiche della sostenibilità e dell’impatto ambientale. L’obiettivo è puntare a processi produttivi che siano il meno possibile inquinanti e dannosi per la salute del mondo che ci circonda.

Anche brand affermati e di fama mondiale si sono avvicinati al green, all’ecosostenibile, puntando al risparmio energetico e allo sfruttamento non intensivo delle risorse, nel rispetto della natura e dei lavoratori. Stella McCartney è uno di questi. Per questo ha scelto di collaborare con Candiani. L’azienda italiana leader nella produzione di denim lo scorso novembre ha brevettato le tecnologie Coreva, messe a punto per realizzare una tela denim con fibre vegetali, non sintetiche.

Il primo jeans stretch biodegradabile a firma Stella McCartney entrerà a far parte della collezione autunno-inverno 2020. Sarà dunque disponibile negli store e online in tutto il mondo a partire da maggio di quest’anno.

Il denim di Stella McCartney

Niente elastomeri né sostanze tossiche, niente sintetici né derivati dal petrolio. Solo gomma naturale, filati di origine vegetale e cotone organico al 100%. Lavorati con moderne e innovative tecnologie, questi materiali danno vita a un tessuto del tutto privo di plastica e microplastica, ma ugualmente elasticizzato. E biodegradabile.

Il processo produttivo impiegato per realizzarlo ha un impatto basso sull’ambiente, sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori, a differenza di quello dei denim tradizionali. In questo caso, purtroppo, il procedimento è caratterizzato da manodopera a basso costo, nessun rispetto per le norme ambientali, diritti dei lavoratori inesistenti, inquinamento. Per questo denim innovativo, invece, vengono impiegate tecnologie all’avanguardia che riducono il consumo di acqua, energia e sostanze chimiche. Questo vale sia per la fase di tintura che di lavanderia.

Il primo brand che si è avvalso della rivoluzionaria tela messa a punto da Candiani, è stato il marchio olandese Denham a cui ora fa seguito Stella McCartney.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

@stellamccartney (pictured right) has introduced the worlds first biodegradable stretch denim made from plant based yarns for her AW20 collection 🌍💚♻️ 👏💯The fabric is created by @candianidenim using organic cotton wrapped around a natural rubber – free from plastics and micro-plastics. Alberto Candiani, owner of the Candiani family mill says “In a world where resources are diminishing and landfills are overflowing with discarded garments, it’s our duty to look for renewable resources, in addition to biodegradable and compostable materials. Denim has to take the lead as the indigo flag of this revolution and we are thrilled to be working alongside Stella McCartney to share our innovation and beliefs with the wider fashion industry”. . . The denim will be available in-store and online globally from May 2020. . . #repost @financialtimesfashion #sustainablefashion #sustainableliving #sustainability #ecofashion #denim #ftfashion #financialtimes #news #biodegradable

Un post condiviso da Candiani Denim (@candianidenim) in data:

Articoli correlati

Prénatal: la nuova collezione Primavera Estate 2020 è un mix di energia, stile e comodità

Redazione

Halston X Netflix, la collezione limited edition ispirata alla serie sul designer

Paola Pulvirenti

Simone Rocha X H&M, i look romantici e gioiosi della collezione

Redazione Moda

Lascia un commento