Wondernet Magazine
MODA Prêt-à-porter

Dondup, nella collezione Autunno Inverno 2020/21 atmosfere alla “Peaky Blinders” e grande attenzione alla sostenibilità ambientale

La collezione Autunno Inverno 2020/21 di Dondup, la fashion house guidata da Matteo Marzotto, porta nella dimensione del contemporary ready-to-wear i dettagli e la costruzione tipici della denim culture

Maschile e femminile. Tradizione e innovazione. Sono questi i cardini su cui lo studio creativo Dondup ha lavorato per disegnare le nuove collezioni invernali. Un’analisi che trova nella relazione, tra uomo e donna, tra artigianalità e ricerca, il suo codice distintivo. Il territorio di incontro è il mondo sartoriale: le suggestioni alla Savile Row, con i tessuti della tradizione, sposano la maestria della produzione “Made in Italy”. Atmosfere alla Peaky Blinders portano il guardaroba verso una nuova idea di eleganza, fatta di capi belli e duraturi che riscoprono il piacere delle occasioni d’uso. In questo contesto, il denim si conferma parte integrante dello story telling e si fa portavoce dell’avanguardia con l’evoluzione del progetto Dzero.

Matteo Marzotto, Chairman di Dondup – Photo Credits: Press Office

 

Texture classiche, come il principe di Galles e lo Chevron, si intrecciano a tele denim trattate con rotture o laser. Un dialogo coerente che si compone di pezzi timeless. I capispalla, sono presentati in panni di diversi colori e sono classici, doppi e diagonali. Vengono arricchiti anche con fili lurex che conferiscono tocchi di luce. Il pantalone è sartoriale con lane e cotoni dall’aspetto autentico, ma con mani dolci e smerigliate.

La maglieria racconta la tradizione Dondup. Filati di lana, misti, cashmere e seta sono declinati in maglie dalle diverse funzioni d’uso per coprire argomenti di basico, basico evoluto e concetti di stagione.

Il denim sceglie tele piacevoli da indossare, grazie anche all’inserimento di fibre come il modal e il lyocell, che esaltano il touch feeling e la lucentezza. I lavaggi evidenziano l’expertise del brand con una proposta che comprende i basic, trattamento rinse scuro e shades, ma anche le declinazioni di tendenza con rotture, rammendi e laserature.

In primo piano, per Dondup, il tema della sostenibilità ambientale

Una collezione che si completa con il pacchetto giapponese, con tele esclusive, lavaggi medio-strong e un labeling ad hoc, e con il progetto Dondup Detox con modelli cinque tasche in tessuto e in un lavaggio sostenibile. Un percorso estetico coerente che tiene in primo piano la sostenibilità. Da questa stagione, infatti, tutti i capi del brand sono realizzati in Italia. Inoltre, l’inserimento di speciali etichette permette di tracciarne il percorso produttivo. 

 

Articoli correlati

Emporio Armani festeggia 40 anni. Gli eventi in programma

Camilla Di Spirito

Tulle Limited Edition: Giulia De Lellis ancora testimonial Tezenis

Giusy Dente

Pizzo sangallo: il fascino retrò e delicato di capi candidi e ricamati come i corredi delle nonne

Valentina Turci

Lascia un commento