Wondernet Magazine
Cinema

Bohemian Rhapsody 2: Brian May conferma il sequel del film premiato con 4 Oscar

Bohemian Rhapsody, dopo gli Oscar arriva il sequel
Uscito nel 2018, “Bohemian Rhapsody”, diretto da Bryan Singer e interpretato da Rami Malek, ha ottenuto un successo clamoroso, 4 Oscar e un incasso di oltre 900 milioni di dollari. Ora Brian May, chitarrista dei Queen e tra i produttori del film rivela che si sta lavorando ad un sequel

“Bohemian Rhapsody” avrà un sequel, parola di Brian May. Anche se sarebbe più corretto parlare di prequel, visto che il primo film sui Queen, uscito nel 2018, ripercorre gli anni dal 1970 al 1985 e pochi anni dopo, come tutti sanno, Freddie Mercury è morto a causa di una infezione polmonare dovuta all’Aids. 

Probabilmente quindi “Bohemian Rhapsody 2” potrebbe ripercorrere gli anni dell’infanzia di Freddie Mercury, fino all’incontro con Brian May e Roger Taylor e alla nascita dei Queen.

Bohemian Rhapsody 2 si farà, parola di Brian May

È stato proprio Brian May, il leggendario chitarrista dei Queen che è anche uno dei produttori del film vincitore di quattro Oscar, a rivelare che Bohemian Rhapsody 2 Potrebbe presto vedere la luce. Brian May ha detto che al momento sta “cercando idee” nella speranza di scrivere “un gran copione”. Parlando durante una diretta su instagram con i fan il musicista ha spiegato: “Lo stiamo valutando. Stiamo cercando idee. Sarà difficile, perché nessuno di noi poteva prevedere il successo che ha avuto. Ma sì , ci stiamo pensando, e in ogni caso dovrà avere un gran copione”.

Bohemian Rhapsody, dopo gli Oscar arriva il sequel

Rami Malek, i premi vinti con l’interpretazione di Freddie Mercury

Rami Malek, 41 anni, dopo l’interpretazione del faraone Ahkmenrah nella celebre commedia “Una notte al museo” e i sue sequel del film, ha raggiunto la fama nel ruolo dell’hacker Elliot Alderson nella pluripremiata serie televisiva “Mr. Robot”, che gli è valso un Premio Emmy.

Bohemian Rhapsody, dopo gli Oscar arriva il sequel
Rami Malek con Brian May e Roger Taylor

Con l’intepretazione di Freddie Mercury in “Bohemian Rhapsody” si è aggiudicato un Oscar, un Golden Globe, un Premio BAFTA, uno Screen Actors Guild Award e un Satellite Award nella sezione miglior attore protagonista.La rivista Time lo ha inserito tra le 100 persone più influenti del 2019.

Presto lo vedremo nel ruolo del cattivo Lyutsifer Safin nell’atteso film di Bond “No Time To Die che dovrebbe uscire in sala il mese prossimo, dopo molti rinvii a causa della pandemia.

Articoli correlati

The Midnight Sky: il nuovo film diretto e interpretato da George Clooney a dicembre su Netflix

Manuela Cristiano

Me contro Te: i due YouTuber amatissimi dai bambini al loro esordio sul grande schermo

Michelle Scalzo

“Don’t Look Up”: la nuova commedia con Leonardo DiCaprio, Cate Blanchett e Meryl Streep

Manuela Cristiano

Lascia un commento