Wondernet Magazine
Wonderchef

Uova con crema di ortiche e pane croccante svedese: una ricetta dello chef Hannes Baumgartner

hannes baumgartner
La cucina è il fiore all’occhiello del Gourmet e Boutique Hotel Tanzer: lo chef Hannes Baumgartner, insieme alla sua affiatata brigata di cucina, ogni giorno stupisce gli ospiti con la sua proposta che abbina creazioni contemporanee ai piatti tradizionali della cucina altoatesina e mediterranea.
Hannes Baumgartner
Chef del Boutique Hotel Tanzer, Issengo (Val Pusteria)

 

Nella cucina del Boutique Hotel Tanzer, la qualità della materia prima è un pilastro: gli ingredienti dei piatti sono di primissima scelta e coniugano prodotti a chilometri zero, come le insalate multicolori coltivate dai padroni di casa, e le eccellenze del territorio, come il formaggio di montagna delle valle di Müstair e lo speck della celeberrima macelleria Steiner. Ecco una ricetta dello chef Hannes Baumgartner per Wondernet Magazine.

Uova a bassa temperatura con crema di ortiche e pane croccante svedese

Ingredienti per 4 persone

  • 1 chilo ortica
  • 2 scalogna tritati
  • 50 g di burro
  • 20 g di panna
  • sale e pepe
  • 4 uova

Per il pane croccante svedese:

  • 60 g farina
  • 50 g fiocchi d’avena
  • 30 g semi di girasole
  • 30 g semi di zucca
  • 15 g sesamo
  • 15 g semi di lino
  • 180 g acqua

hannes baumgartner

Preparazione

  • bollire le ortiche e freddare in acqua e ghiaccio
  • rosolare il scalogno nel burro
  • aggiungere le ortiche e la panna 
  • frullare tutto
  • cuocere le uova a 63°C per 1 ora
  • mescolare tutti gli ingredienti per 5 minuti con una frusta
  • stendere su carta forno allo spessore di 0,5 cm
  • infornare per 50 min. a 150°C

La cucina del Boutique Hotel Tanzer in Val Pusteria

Nella cucina del Tanzer la qualità della materia prima è un pilastro: gli ingredienti dei piatti sono di primissima scelta e coniugano prodotti a chilometri zero, come le insalate multicolori coltivate dai padroni di casa, e le eccellenze del territorio, come il formaggio di montagna delle valle di Müstair e lo speck della celeberrima macelleria Steiner.

La qualità dell’offerta enogastronomica è valsa all’hotel importanti riconoscimenti, quali l’inserimento nella guida Ristoranti d’Italia 2019 del Gambero Rosso, la segnalazione nella rinomata guida Michelin nel 2019, il riconoscimento di tre cucchiai nella Guida Schlemmer Atlas 2019 e, infine, l’inserimento tra i migliori ristoranti dell’Alto Adige della Guida Gault Millau 2019.

Tra i piatti più apprezzati dai clienti spiccano la spuma di burro alle rose, la zuppa d’orzo, il risotto alle melanzane e olive, i brasati di capriolo e di cervo al vino rosso con julienne di verdure e funghi, la spalla di maiale e, fiore all’occhiello, la guancia di vitello alla spuma di rafano. Non possono mancare i piatti tipici della cucina altoatesina, come i canederli allo speck e lo strudel fatto in casa con le mele Golden della Val Venosta, la cui prelibatezza, come nelle migliori tradizioni, racchiude un segreto tramandato di generazione in generazione.

La cantina presenta vini naturali di produzione semplice e limitata come quelli della tenuta Hof Gandberg a Cornaiano, ma anche l’Uva schiava, il Traminer aromatico, il Lagrein, pregiati vitigni autoctoni. Anche il caffè parla del territorio, in quanto proviene da un piccolo produttore locale. Completano l’offerta le birre artigianali, le grappe alle pere e ai fieni locali i liquori fatti in casa.

Articoli correlati

Plumcake alla barbabietola e pistacchi, una ricetta Veg di Chiara Canzian

Risotto al limone di Amalfi e gambero rosso di Mazara: una ricetta dello chef Michelangelo Ferrara

Anna Chiara Delle Donne

Tortello di coniglio, cavolo nero e olive nere: una ricetta dello Chef Marco Pasquarelli

Laura Saltari

Lascia un commento