Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Missoni, il debutto in passerella di Filippo Grazioli con la sfilata Primavera-Estate 2023

Missoni, la sfilata Donna Primavera-Estate 2023
Missoni ha presentato oggi a Milano Moda Donna la sua collezione Primavera-Estate 2023. Per il nuovo direttore creativo Filippo Grazioli è il debutto in passerella

Nella collezione Primavera-Estate 2023 il linguaggio Missoni è parlato al presente, dal nuovo direttore creativo Filippo Grazioli, classe 1981, che oggi ha debuttato in passerella.

Marchigiano, laureato allo IED di Milano nel 2004, Grazioli si è formato in Italia ma è cresciuto professionalmente a Parigi. Lo stilista è stato chiamato alla guida delle collezioni Missoni uomo e donna nel marzo di quest’anno.

Missoni, la sfilata Donna Primavera-Estate 2023
Filippo Grazioli, nuovo direttore creativo, sulla passerella Missoni Primavera-Estate 2023

Missoni, la sfilata Primavera-Estate 2023

Per la collezione Primavera-Estate 2023, il linguaggio di Missoni e quello di Filippo Grazioli si aggiungono, evolvono, si trasformano, in continuità con quel che è stato. Un alfabeto di lettere disposte in rigoroso ordine sparso, come un raggio di luce che attraversa un prisma per dividersi nei colori che lo formano. Scomporre per ricomporre, scombinare per combinare e in fine ricreare.

L’alfabeto Missoni Primavera-Estate 2023

Si parte dalla C di Colore. Il fondamento di ogni cosa, a sua volta ridotto ai fondamenti: giallo, magenta e ciano, i primari; bianco e nero, il ritmo grafico. Poi c’è la L di Luce. L’insieme delle radiazioni percepite dall’occhio, trasformate in sensazioni visive ed emozioni. Il contenitore mobile di tutti i colori.

Si passa alla D di Disciplina. Un nuovo ordine mentale disegna una silhouette netta, verticale, body conscious. Corto, lungo, segnato; pantaloni con piccoli strascichi, coppe che sottolineano il busto, alti spacchi. Si arriva alla F di Fisicità. Il corpo è tangibile, sensuale e gioioso; guizza, palpita, si intravede attraverso trasparenze, scollature, aperture.

Poi c’è la P di Pattern. I motivi che sono parte dell’immaginario collettivo – fiammato, zig zig, righe, patchwork, rachel – declinati in nuovi pesi e tecniche, a creare un repertorio di disegni e di superfici. Tutto è teso, elastico, per accompagnare i movimenti e la fisicità. L’alfabeto della collezione Missoni Primavera-Estate 2023 arriva poi alla N di Nodi. Motivi decorativi di annodamenti accostano gli abiti alla figura, li drappeggiano mentre simbolizzano la continuità tra passato e presente.

La sera poi si accende con la S di Scintillio. Paillette e cristalli si mescolano al colore, aggiungendo luce alla luce, e rifrazioni. Appare poi la M di Monocromo. Colore massimizzato in nota singola, per vibrare ed emozionare con intensità.

Le ultime tre lettere dell’alfabeto Missoni Primavera-Estate 2023 sono tre vocali. La A di Accessorizing. Occhiali ricoperti di pattern, boa di maglia, gioielli metallici come punti di luce, piccole pochette, mule di plexiglass. La I di Immediato. La sveltezza e disinvoltura che nascono dalla spontaneità, per vivere il qui e ora. Ed infine, la E di Energia. Moda come iniezione di buonumore e leggerezza di spirito. Colore e luce che regalano un sorriso.

Articoli correlati

Cuoio di Toscana, il fascino del Made in Italy nella capsule di Simone Guidarelli

Redazione Moda

Anteprima festeggia 30 anni con la sfilata SS23 green al parco Sempione

Paola Pulvirenti

Diesel: 50 sfumature di denim per la FW22 hot di Glenn Martens

Paola Pulvirenti

Lascia un commento