Wondernet Magazine
SPETTACOLO

Golden Globes 2022, tra i vincitori Nicole Kidman e Will Smith. Delusione per l’Italia

Golden Globes 2022, tutti i vincitori
Si è svolta la 79ma edizione dei premi Golden Globes. Una cerimonia senza Vip, red carpet né diretta TV. I vincitori sono stati annunciati dalla Hollywood Foreign Press Association sui propri canali social e sul proprio sito ufficiale

L’edizione 2022 dei Golden Globes ha visto dominare “Il Potere del cane” come miglior film drammatico e “West Side Story” tra i musical e la commedia. Il western di Jane Campion ha portato a casa tre premi, tra cui quello per la migliore regista e per il miglior attore non protagonista, il 25enne Kodi Smit-McPhee.  “West Side Story”, il revival di Steven Spielberg ne ha vinti altri due: uno a Rachel Zelger, che nel musical è Maria, come migliore attrice protagonista. L’altro ad Ariana DeBose, che interpreta Anita, premiata come migliore attrice non protagonista.

Kate Winslet vince ai Golden Globes 2022 come migliore attrice protagonista per la miniserie “Omicidio a Easttown”. Nicole Kidman guadagna il quinto premio su 17 nomination per “Being the Ricardos”, mentre a vincere come miglior attore protagonista è Will Smith per “King Richard”. “No Time to Die” interpretata da Billie Eilish e dal fratello Finneas O’Connell vince ai Golden Globes 2022 nella categoria migliore canzone originale.

Golden Globes 2022, tutti i vincitori
Benedict Cumberbatch in”Il potere del cane”, miglior film ai Golden Globes 2022

Golden Globes 2022, un’edizione in sordina a causa degli scandali

Senza il fasto delle scorse edizioni, la Hollywood Foreign Press Association ha annunciato i vincitori dei Golden Globes 2022 sulle sue piattaforme socia. Alla serata presenti soltanto i giornalisti dell’organizzazione. Totalmente assenti, invece, Vip e celebrities sul tappeto rosso e sul palco, come era consuetudine negli anni passati. La HFPA, alla vigilia dell’edizione 2021, era stata al centro di uno scandalo quando il Los Angeles Times aveva rivelato che, tra i suoi allora 87 membri, non c’era un solo giornalista nero. Travolta dalle critiche e dalle polemiche, l’organizzazione dei Golden Globes ha quindi rinunciato per questa edizione 2022 ai fasti del passato. I vincitori sono stati annunciati nel corso di una diretta Twitter senza video né foto. Tra un annuncio e l’altro, sono state elencate le varie iniziative filantropiche finanziate dal gruppo.

Golden Globes 2022, tutti i vincitori
Nicole Kidman miglior attrice protagonista ai Golden Globes 2022 per “Being the Ricardos”

Delusione per Sorrentino e per il film d’animazione “Luca”

L’edizione 2022 dei Golden Globes ha lasciato l’Italia a mani vuote. Niente da fare per Paolo Sorrentino, in nomination con “È stata la mano di Dio” come miglior film straniero. Il premio è andato a “Drive My Car”, tratto da un racconto di Haruki Murakami e diretto dal regista giapponese Ryusuke Hamaguchi.

Ai Golden Globes 2022 era candidato anche “Luca”, il film di animazione Disney Pixar firmato dall’italiano Enrico Casarosa. I giurati gli hanno preferito però “Encanto”, una produzione Disney con canzoni originali di Lin-Manuel Miranda.

Golden Globes 2022, tutti i vincitori

Golden Globes 2022, tutti i vincitori

Miglior film, dramma

“Il potere del cane” (Netflix)

“Belfast” (Focus Features)

“CODA” (Apple)

“Dune” (Warner Bros.)

“King Richard” (Warner Bros.)

Miglior film, musical o commedia

“West Side Story” (20th Century Studios / Walt Disney Studios Motion Pictures)

“Cyrano” (MGM)

“Don’t Look Up” (Netflix)

“Licorice Pizza” (MGM)

“Tick, Tick … Boom!” (Netflix)

Migliore attore protagonista in un film, drama

Will Smith (“King Richard”)

Mahershala Ali (“Swan Song”)

Javier Bardem (“Being the Ricardos”)

Benedict Cumberbatch (“Il potere del cane”)

Denzel Washington (“The Tragedy of Macbeth”)

Migliore attrice protagonista in un film, dramma

Nicole Kidman (“Being the Ricardos”)

Jessica Chastain (“Gli occhi di Tammy Faye”)

Olivia Colman (“La figlia oscura”)

Lady Gaga (“House of Gucci”)

Kristen Stewart (“Spencer”)

Migliore attore protagonista in un film, musical o commedia

Andrew Garfield (“Tick, Tick … Boom!”)

Leonardo DiCaprio (“Don’t Look Up”)

Peter Dinklage (“Cyrano”)

Cooper Hoffman (“Licorice Pizza”)

Anthony Ramos (“Sognando a New York – In the Heights”)

Migliore attrice protagonista in un film, musical o commedia

Rachel Zegler (“West Side Story”)

Marion Cotillard (“Annette”)

Alana Haim (“Licorice Pizza”)

Jennifer Lawrence (“Don’t Look Up”)

Emma Stone (“Crudelia”)

Miglior regista, film

Jane Campion (“Il potere del cane”)

Kenneth Branagh (“Belfast”)

Maggie Gyllenhaal (“La figlia oscura”)

Steven Spielberg (“West Side Story”)

Denis Villeneuve (“Dune”)

Miglior attore non protagonista, film

Kodi Smit-McPhee (“Il potere del cane”)

Ben Affleck (“The Tender Bar”)

Jamie Dornan (“Belfast”)

Ciarán Hinds (“Belfast”)

Troy Kotsur (“CODA”)

Miglior attrice non protagonista, film

Ariana DeBose (“West Side Story”)

Caitríona Balfe (“Belfast”)

Kirsten Dunst (“Il potere del cane”)

Aunjanue Ellis (“King Richard”)

Ruth Negga (“Due donne – Passing”)

Miglior serie televisiva, dramma

“Succession” (HBO)

“Lupin” (Netflix)

“The Morning Show” (Apple TV Plus)

“Pose” (FX)

“Squid Game” (Netflix)

Miglior serie televisiva, musical o commedia

“Hacks” (HBO Max)

“The Great” (Hulu)

“Only Murders in the Building” (Hulu)

“Reservation Dogs” (FX on Hulu)

“Ted Lasso” (Apple TV Plus)

Miglior attore protagonista in una serie televisiva, dramma

Jeremy Strong (“Succession”)

Brian Cox (“Succession”)

Lee Jung-jae (“Squid Game”)

Billy Porter (“Pose”)

Omar Sy (“Lupin)

Miglior attrice protagonista in una serie televisiva, dramma

Michaela Jaé Rodriguez (“Pose”)

Uzo Aduba (“In Treatment”)

Jennifer Aniston (“The Morning Show”)

Christine Baranski (“The Good Fight)

Elisabeth Moss (“The Handmaid’s Tale”)

Miglior attore protagonista in una serie televisiva, musical o commedia

Jason Sudeikis (“Ted Lasso”)

Anthony Anderson (“Black-ish”)

Nicholas Hoult (“The Great”)

Steve Martin (“Only Murders in the Building”)

Martin Short (“Only Murders in the Building”)

Miglior attrice protagonista in una serie televisiva, musical o commedia

Jean Smart (“Hacks”)

Hannah Einbinder (“Hacks”)

Elle Fanning (“The Great”)

Issa Rae (“Insecure”)

Tracee Ellis Ross (“Black-ish”)

Miglior miniserie, serie antologica o film per la tv

“La ferrovia sotterranea” (Amazon Prime Video)

“Dopesick” (Hulu)

“Impeachment: American Crime Story” (FX)

“Maid” (Netflix)

“Omicidio a Easttown” (HBO)

Miglior attore in una miniserie, serie antologica o film per la tv

Michael Keaton (“Dopesick”)

Paul Bettany (“WandaVision”)

Oscar Isaac (“Scene da un matrimonio”)

Ewan McGregor (“Halston”)

Tahar Rahim (“The Serpent”)

Miglior attrice in una miniserie, serie antologica o film per la tv

Kate Winslet (“Omicidio a Easttown”)

Jessica Chastain (“Scene da un matrimonio”)

Cynthia Erivo (“Genius: Aretha”)

Elizabeth Olsen (“WandaVision“)

Margaret Qualley (“Maid”)

Miglior attore non protagonista, tv

O Yeong-su (“Squid Game”)

Billy Crudup (“The Morning Show”)

Kieran Culkin (“Succession”)

Mark Duplass (“The Morning Show”)

Brett Goldstein (“Ted Lasso”)

Miglior attrice non protagonista, tv

Sarah Snook (“Succession”)

Jennifer Coolidge (“The White Lotus”)

Kaitlyn Dever (“Dopesick”)

Andie MacDowell (“Maid”)

Hannah Waddingham (“Ted Lasso”)

Miglior colonna sonora originale, film

“Dune” (Warner Bros.) — Hans Zimmer

“The French Dispatch” (Searchlight Pictures) — Alexandre Desplat

“Encanto” (Walt Disney Pictures) — Germaine Franco

“Il potere del cane” (Netflix) — Jonny Greenwood

“Madres Paralelas” (Sony Pictures Classic) — Alberto Iglesias

Miglior film in lingua straniera

“Drive My Car” (Janus Films) — Japan

“Compartment No. 6” (Sony Pictures Classics) — Finland, Russia, Germany

“È stata la mano di Dio” (Netflix) — Italy

“A Hero” (Amazon Studios) — France, Iran

“Madres Paralelas” (Sony Pictures Classics) — Spain

Migliore sceneggiatura, film

Kenneth Branagh — “Belfast” (Focus Features)

Paul Thomas Anderson — “Licorice Pizza” (MGM/United Artists Releasing)

Jane Campion — “Il potere del cane” (Netflix)

Adam McKay — “Don’t Look Up” (Netflix)

Aaron Sorkin — “Being the Ricardos” (Amazon Studios)

Migliore canzone originale, film

“No Time to Die” da “No Time to Die” (MGM/United Artists Releasing) — Billie Eilish, Finneas O’Connell

“Be Alive” da “King Richard” (Warner Bros.) — Beyoncé Knowles-Carter, Dixson

“Dos Oruguitas” da “Encanto” (Walt Disney Pictures) — Lin-Manuel Miranda

“Down to Joy” da “Belfast” (Focus Features) — Van Morrison

“Here I Am (Singing My Way Home)” da “Respect” (MGM/United Artists Releasing) — Jamie Hartman, Jennifer Hudson, Carole King

Miglior film d’animazione

“Encanto” (Walt Disney Studios Motion Pictures)

“Flee” (Neon)

“Luca” (Walt Disney Studios Motion Pictures)

“My Sunny Maad” (Totem Films)

“Raya e l’ultimo drago” (Walt Disney Studios)

Articoli correlati

Netflix sull’accordo con Harry e Meghan: «Siamo davvero entusiasti, saranno i contenuti più visti del prossimo anno»

Valentina Turci

Vasco Rossi sarà super ospite di Roberto Bolle a “Danza con Me”

Redazione

MioCinema: la piattaforma di film d’autore e indipendenti sarà online il 18 maggio

Giusy Dente

Lascia un commento