Wondernet Magazine
MODA

Al MET di New York una mostra esplora il significato profondo della moda americana

Al MET di NY “In America: A Lexicon of Fashion”
“In America: A Lexicon of Fashion” va in scena nell’Anna Wintour Costume Center al MET fino al 5 settembre 2022. Una mostra per ricercare un moderno vocabolario della moda americana, sfaccettata ed eterogenea come lo sono gli Stati Uniti. Tra abiti e suggestioni, presenti anche i manichini della collezione Schläppi 2200 di Bonaveri

Emozioni e creatività intessute in abiti capaci di lasciare un solco nella storia. La mostra di quest’anno del Costume Institute, nella suggestiva cornice del MET (Metropolitan Museum of Art di New York), celebra la moda americana, sfaccettata e diversificata come gli USA e le molteplici culture che ne fanno parte.

L’esposizione “In America” è un’indagine del significato profondo dell’American fashion: frazionata in due parti, In America: A Lexicon of Fashion e “In America: An Anthology of Fashion”, è stata inaugurata il 18 settembre 2021 e rimarrà aperta fino al 5 settembre 2022.

Al MET di NY “In America: A Lexicon of Fashion”
The Met, In America: A Lexicon of Fashion. Gallery View: Nostalgia (dx) e Belonging (sx) Ph © The Metropolitan Museum of Art

In America: A Lexicon of Fashion” al MET di New York

La prima parte della mostra celebra il 75esimo anniversario del Costume Institute e stabilisce, nell’Anna Wintour Costume Center curato da Andrew Bolton, un moderno vocabolario della moda americana. Seguirà poi la seconda parte, “In America: An Anthology of Fashion”. Aprirà nelle sale dell’American Wing il 5 maggio 2022, per esplorare le narrazioni sartoriali legate alle storie di quelle stanze.

Al MET di NY “In America: A Lexicon of Fashion”
The Met, In America: A Lexicon of Fashion. Gallery View: Nostalgia. Ph © The Metropolitan Museum of Art

Sono i manichini dell’italiana Bonaveri ad accompagnare la narrazione della mostra al MET, e a guidare i visitatori alla scoperta di abiti e suggestioni. Da esporre nel prestigioso museo, sono state scelte le figure della collezione Schläppi 2200. Le figure, per la maggior parte femminili, si caratterizzano per le forme artistiche, nelle quali la personalità scaturisce da dettagli minimi, dalla misura del gesto, dalle armonie profonde. I manichini maschili selezionati per il MET sono invece della collezione Tribe.

Al MET di NY “In America: A Lexicon of Fashion”
The Met, In America: A Lexicon of Fashion. GalleryView: Assurance. Ph © The Metropolitan Museum of Art

La collezione Schläppi di Bonaveri 

Creata negli anni ‘60, la collezione Schläppi si caratterizza per le sue forme artistiche e minimali, fluide, eleganti, statuarie. I manichini originali Schläppi nascono dall’intuizione di due uomini visionari: Schläppi e lo scultore Lorenzo Piemonti. A partire dalla metà degli anni ‘60, la collaborazione tra questi due uomini, un imprenditore dinamico e un artista visionario, ha portato alla creazione di forme evocative che hanno resistito per oltre venti anni.

Al MET di NY “In America: A Lexicon of Fashion”

Piemonti ha immaginato silhouette con tratti stilizzati distintivi e particolari, lontane dalle figure antropomorfe adornate con trucco, parrucche e forme sinuose. Allungò e applicò l’astrazione ai corpi e, così facendo, creò forme iconiche che alludevano a figure umane. L’artista inventò il futuro del manichino: fu il primo a prevedere un’estetica che, circa trent’anni dopo, è diventata la tendenza della nostra sensibilità contemporanea.

Articoli correlati

Puma svela “Design to fade”, una collezione green ecologica e biodegradabile

Giusy Dente

Adidas x Gucci, l’attesa collaborazione in arrivo il 7 giugno

Gaia Corrado

Alviero Martini 1A Classe, la linea Eco per la Primavera-Estate 2022

Redazione Moda

Lascia un commento