Wondernet Magazine
PERSONAGGI

Karl Lagerfeld: due anni dalla scomparsa del “Kaiser” della moda

Karl Lagerfeld, due anni senza il Kaiser della moda
Oggi sono due anni dalla scomparsa di Karl Lagerfeld, una delle più importanti icone del mondo della moda. Un genio creativo che ha rivoluzionato il business fashion, anche grazie a maison quali Fendi e Chanel.

Era il 19 febbraio 2019 quando, all’età di 85 anni, Karl Lagerfeld ci lasciava. Soprannominato il “Kaiser” della moda, è stato uno dei più grandi stilisti contemporanei e genio creativo di maison di haute couture, come Chanel e Fendi. Un fashion designer fuori dagli schemi, che ha rivoluzionato le tendenze e ne ha create di nuove.

Karl Lagerfeld, dagli esordi al boom con Fendi

Nato in una ricca famiglia tedesco-svedese, Karl Lagerfeld è entrato in contatto con il mondo della moda da giovane, dopo il suo trasferimento a Parigi. I primi passi li ha mossi negli anni ’50, quando ha cominciato a fare gavetta per marchi di un certo rilievo, tra cui Christian Dior. Ricordato per essere stato il primo stilista freelancer della storia, ha lavorato per Courrèges e Cardin, ma la notorietà è arrivata con la maison Chloé.

Karl Lagerfeld, due anni senza il Kaiser della moda
1954

Dopo questo primo periodo, ha intrapreso un lungo sodalizio con la fashion house Fendi, di cui diventa direttore artistico insieme a Silvia Venturini. La collaborazione ha inizio nel 1965 e la maison affida varie responsabilità al suo estro creativo. A lui, infatti, va il merito del logo con la doppia F ribaltata, che è ancora oggi una griffe ambita. Qui, Karl Lagerfeld ha modo di far conoscere il proprio talento e le sue collezioni rubano la scena in tutto il mondo. Una ventata di innovazione, apportata al marchio Fendi, che funge da ispirazione per tutti coloro che lo hanno susseguito, tra cui Kim Jones.

Chanel e l’abito a due pezzi

Nel 1983 avviene il debutto per la maison francese Chanel. Un luogo moderno e in stile con il suo pensiero creativo, in cui ha lasciato il segno. In veste di direttore artistico firma varie collezioni, che fanno subito tendenza e riscuotono ampio apprezzamento dalle star di tutto il mondo. Karl Lagerfeld prende alcuni pezzi iconici, creati dalla mente della celebre Coco Chanel, e li reinventa, rimanendo comunque fedele al prototipo originale.

Karl Lagerfeld, due anni senza il Kaiser della moda
Con Inès de La Fressange durante la sfilata per Chanel, nel 1987 (credits @WeVoiceFashion)

Uno dei pezzi più iconici rivisitati per il marchio a doppia C è il tailleur. Il celebre abito a due pezzi in bouclé spopola in tutto il mondo, rendendo il completo di giacca e gonna di Madame Gabrielle un vero e proprio pezzo iconico nella storia del fashion. Il suo genio, poi, dà vita ad accessori eccentrici e che diventano veri must-have.

Dalle clutch con colori sgargianti e con applicazioni preziose e luminose, passando per accessori sempre più eleganti e richiesti, come i suoi amati guanti in pelle. Nel corso degli anni presenta collezione di haute couture con outfit eleganti e che influenzano le tendenze del tempo, con mix and match di tessuti, perle e pietre. Negli anni d’oro della sua permanenza nella maison francese, viene ricordata come musa ispiratrice la modella Inès de la Fressange, incarnazione della moda anni ’80.

Karl Lagerfeld, due anni senza il Kaiser della moda

Karl Lagerfeld, il suo marchio personale

Nel 1980, Karl Lagerfeld ha fondato la sua etichetta personale. Il marchio “Lagerfeld”, lanciava profumi e linee di vestiti di sua creazione. Una label moderna, improntata su vari giochi di colore tra il nero e il bianco, un must distintivo nelle sue collezioni. Lo stile della sua linea d’abbigliamento ha avuto subito successo e negli anni si è evoluta diventando sempre più pratica e accessibile ai gusti delle nuove generazioni. Nel 2001, ha presentato la sua collaborazione con l’azienda giovanile H&M. Lo stilista ha realizzato un’edizione limitata i cui pezzi sono stati sold out in soli pochi giorni.

Articoli correlati

Max Giusti doppia Gru nello spot OMS: il Cattivissimo e i Minions danno consigli per il post Covid

Giusy Dente

Fedez crea un suo canale Twitch per raccontare ai follower le sue passioni e la sua quotidianità

Anna Chiara Delle Donne

Beyoncé superstar di British Vogue con tre diverse copertine: «La pandemia mi ha insegnato a rallentare»

Redazione Moda

Lascia un commento