Wondernet Magazine
PERSONAGGI

Gli 80 anni di Placido Domingo: «Il palco è la mia vita» 

Placido Domingo compie 80 anni
Oggi è il compleanno del tenore spagnolo che si è esibito sui palcoscenici di tutto il mondo. Ha spaziato dalle arie ottocentesche alle canzoni pop, fino ai classici della musica napoletana.

Vera leggenda dell’Opera, baritono oltre che tenore, con più di 150 primi ruoli, Placido Domingo è famoso nel mondo. Oggi festeggia i suoi 80 anni, un traguardo denso di successi.

Gli esordi di Placido Domingo

Il suo nome per esteso è José Placido Domingo Embil, e nasce a Madrid il 21 gennaio 1941. Il padre Placido Domingo Ferrer, era baritono, mentre la madre, Pepita Embil Etxaniz, era una cantante di zarzuela. Trasferitosi in Messico a otto anni, iniziò a recitare nella compagnia di zarzuela dei genitori, poi studiò al Conservatorio. Nel 1959 entrò nell’Opera Nazionale Messicana come baritono.

Dopo essersi esibito come cantante di musica leggera, pianista e attore, negli anni Sessanta debuttò nel melodramma. Tra le opere celebri da lui interpretate: “La Bohème“, “Madama Butterfly“, “Turandot“, “Tosca“, “Carmen“, “La Traviata“.

Il debutto in Italia

Placido Domingo debutta in Italia nel 1969 all’Arena di Verona con “Turandot“, e al Teatro Alla Scala di Milano con “Ernani“. Franco Zeffirelli e Francesco Rosi lo scelgono per alcune trasposizioni di opere per il cinema. Negli anni Novanta Placido Domingo diventa famoso per la formazione dei Tre Tenori con José Carreras e Luciano Pavarotti. A questo proposito, disse: «Certo alcuni puristi ci hanno criticato, ma è stata un’esperienza molto positiva. Ci siamo divertiti: si è aperto un mondo per tante persone che non si erano mai avvicinate all’opera e che poi non hanno più potuto farne a meno».

La carriera dagli anni Duemila e i progetti futuri

Nel 2003 Placido Domingo diventa direttore generale della Met Opera e dell’Opera di Los Angeles. Nel 2011 tiene un concerto al Teatro Real di Madrid, con la partecipazione a sorpresa della Regina Sofia. Nel 2019 è stato accusato da circa venti donne di abusi e molestie avvenute negli anni Ottanta. Dopo questo scandalo, dal nome “me too“, ha chiesto scusa e ha lasciato il ruolo di direttore generale.

Nel 2020 ha trascorso 40 giorni terribili a causa del covid. Il 7 dicembre scorso si è esibito con 24 protagonisti alla Scala per una serata dedicata alla lirica. Il 16 maggio 2021 dirigerà la Messa da Requiem di Verdi a Piacenza. Il 30 luglio verrà ospitato all’Arena di Verona in occasione del gala Domingo Opera Night, omaggio alla sua carriera.

Articoli correlati

Maurizio Costanzo lascia Mediaset: condurrà un programma su Rai 2

Giusy Dente

Laura Chiatti: gli haters la prendono di mira per il suo dimagrimento, lei si difende così

Valentina Turci

Chiara Ferragni e Fedez si affacciano al balcone e piangono per la sorpresa di Spotify

Redazione

Lascia un commento