Wondernet Magazine
MODA

Balmain punta sull’online: nello showroom virtuale il direttore creativo Olivier Rousteing “riprodotto” in 3D

balmain
In vista dell’estate le maison stanno pensando a come affrontare la comunicazione e a come gestire le nuove collezioni, data l’emergenza sanitaria e l’impossibilità di svolgere eventi come di consueto. Diversi brand hanno comunque optato per le sfilate, a porte chiuse o per un ristretto numero di invitati. Altri, hanno invece preferito puntare sull’online.

Ed è quello che ha fatto Balmain, sulla scia di quanto fatto durante il lockdown. In quel periodo il virtuale è stato una risorsa essenziale per mantenere vivi i rapporti con la community, con i fan e con gli acquirenti. Per questo il marchio ha creato il suo primo showroom virtuale.

balmain

Lo showroom virtuale Balmain

Dopo Hyperooom, la piattaforma Diesel di esposizione e vendita, arriva anche lo showroom virtuale di Balmain, che conferma la tendenza delle case di moda a incrementare la propria presenza online e a puntare su questo tipo di comunicazione.

L’obiettivo è migliorare l’esperienza di acquisto e renderla più interattiva. Come? Attraverso sfilate digitali per presentare le nuove collezioni e negozi virtuali che danno all’acquirente l’impressione di essere fisicamente in boutique e di avere una relazione diretta con un consulente.

balmain

E infatti il progetto di Balmain è un ibrido, tra e-commerce e negozio reale. Le due tipologie di vendita si mescolano ed ecco che il cliente diventa non spettatore passivo, bensì attore attivo, partecipante dell’esperienza.

La dimensione messa a disposizione sullo showroom è molto realistica, piena di suggestioni e spunti creativi. Addirittura c’è la possibilità di interagire con Olivier Rousteing, direttore creativo di Balmain, pronto a ricevere i clienti al 44 di rue François 1er a Parigi, storica location della maison, l’indirizzo dove tutto ebbe inizio. Ovviamente, si tratta di una replica in 3D, così come tridimensionali sono tutti gli spazi.

balmain

Non mancano le modelle virtuali, che mostrano i capi delle nuove collezioni indossandoli e presentando all’interessato una scheda tecnica molto dettagliata che ne racconta la storia, dalla fase creativa a quella produttiva.

Il tutto, conduce l’acquirente dalla fase di scelta alla formalizzazione dell’acquisto.

Articoli correlati

Ecco perché lo spot di Intimissimi Uomo con Diletta Leotta è una delle pubblicità più accattivanti degli ultimi tempi

Laura Saltari

Fantasie a pois, una tendenza intramontabile che torna anche nell’Autunno 2019

Michelle Scalzo

Slouchy, la tendenza comoda e ultrachic dei pantaloni Autunno Inverno 2019/20

Michelle Scalzo

Lascia un commento