Wondernet Magazine
SOLIDARIETÀ

“Swans for Relief”: 32 ballerine in una performance virtuale lanciata da Misty Copeland a sostegno della danza

Per il mondo della danza il momento è difficile: le compagnie sono ferme, gli spettacoli annullati o rimandati, i teatri chiusi. Ricominciare sarà difficile, soprattutto in Italia, dove il settore da tempo denunciava una forte crisi e chiedeva maggiore sostegno e considerazione, in nome dei valori dell’arte e della cultura.

Proprio alla luce di questa situazione così particolare Misty Copeland, Principal dancer dell’American Ballet Theatre, ha lanciato la campagna di raccolta fondi Swans For Relief. L’obiettivo è costituire un fondo per sostenere tutti quei ballerini nel mondo che sono impossibilitati a proseguire la propria attività lavorativa a causa del Coronavirus.

Il nome della campagna riprende l’assolo drammatico e poetico scelto per il video di lancio: La Morte del Cigno. Fu creato da Michael Fokine per la leggendaria Anna Pavlova su musica di Camille Saint-Saëns. A eseguirla nella clip, con grande pathos, c’è il violoncellista americano Wade Davis, che accompagna l’esecuzione delle ballerine coinvolte nel progetto. Qualcuna danza dal salotto di casa, qualcuna addirittura in cucina o in balcone.

I ballerini si esercitano a casa

Il web è piacevolmente invaso di video in cui i ballerini mostrano come la loro routine non sia cambiata anche in tempo di quarantena. Abituati a un rigido allenamento quotidiano e a una ferrea disciplina del corpo, stanno portando avanti tutto questo dai propri salotti di casa, da palestre improvvisate in giardino. Qualcuno ha anche coinvolto i propri figli!

Ovviamente i danzatori non possono esercitarsi a teatro, le compagnie non possono proseguire il calendario degli spettacoli in programma: è tutto fermo. Ma ciò non significa che si cessi di essere danzatori, solo perché lontani dalla scena. Essere un danzatore significa esserlo sempre, la danza è una scelta di vita che prescinde dal sipario.

View this post on Instagram

Another little exercise to help me keep strong on pointe. I am struggling specially with my right leg to control the going down and to keep my heel down. This is why I love doing this exercise not only makes me aware of what I need to work on but also gives me the chance to build a little strength and I don’t need much space to do it 💁🏼‍♀️ My turns from 5th are not great either 🤦🏼‍♀️ will be working on these too 🙌🏻 Today I want to say Thank you to @b_tuning for the #workout and inspiration this morning @ericomontes for the barre and @dariaklimentova for your words ☺️ grateful for your inspiration and encouragement 🙏🏻🤍 #marianelanunez #nela

A post shared by Marianela Núñez (@marianelanunezofficial) on

La danza dei cigni virtuale

Su questa scia si muove l’iniziativa Swans for Relief. A promuoverla, uno dei nomi maggiormente di spicco nel panorama della danza mondiale: Misty Copeland.

La sua campagna di raccolta fondi coinvolge 32 ballerine di 14 Paesi del mondo, riunite in una performance virtuale e corale de La Morte del Cigno. L’obiettivo è costituire un fondo economico a sostegno di tutti quei ballerini che non sono più in grado di lavorare a causa dell’emergenza sanitaria.

Misty Copeland ha spiegato: «Le compagnie di balletto dipendono in gran parte dai ricavi degli spettacoli. Alcune stime indicano che grandi incontri come concerti ed esibizioni in grandi teatri non potranno riprendere per altri 18-24 mesi. La performance dal vivo per noi significa molto. Stare lontano dal palco è difficile. Per noi danzatori esibirci non è solo un mezzo per vivere, ma è anche un modo per sentirci vivi».

Le donazioni raccolte andranno a finanziare i Paesi rappresentati dalle ballerine del video: USA, Australia, Regno Unito, Sud Africa, Norvegia, Russia, Cuba, Francia, Filippine, Canada, Austria, Messico, Danimarca e Cina. Oltre alla Copeland, che apre la clip, sono presenti (tra le altre): Ashley Ellis (Boston Ballet), Maria Khoreva (Mariinsky Theatre), Hannah O’Neill (Paris Opera Ballet), Xu Yan (The National Ballet of China), Tiler Peck (New York City Ballet).

Articoli correlati

“Musica che unisce”: stasera i big della musica italiana in una staffetta per la Protezione Civile

Redazione

“I Love Beirut”: con il suo show Mika ha raccolto 1 milione di Euro per Libano

Redazione

Da Tiffany & Co. un milione di dollari per l’emergenza Covid-19

Redazione

Lascia un commento