Wondernet Magazine
FASHION WEEK NUOVI ARTICOLI

Fendi, l’Haute Couture di Parigi sfila al buio in omaggio all’eternità di Roma

Fendi, l'Haute Couture di Parigi sfila al buio in omaggio all'eternità di Roma
Per il primo show fisico di Fendi Haute Couture, Kim Jones ha omaggiato l’eternità e la spiritualità di Roma con una sfilata al buio sotto archi virtuali!

Dopo il surrealismo mistico di Schiaparelli e la spettacolare sfilata di Valentino, è il turno di Fendi. La linea Haute Couture è disegnata da Kim Jones, che ha debuttato lo scorso anno con una collezione ispirata a Virginia Woolf e al Bloomsbury Group. Fendi oggi ha scelto un luogo molto particolare per la sfilata: le sale del Palais Brogniart di Parigi.

Le architetture maestose di saloni e palazzi vengono sostituite da una passerella completamente al buio con un’architettura virtuale, una cattedrale sospesa in aria. Il suo profilo illuminato da neon futuribili, con un grande globo che domina la volta di stucchi e affreschi. La cornice ideale per ricordare i fasti di Roma. Proprio come ha rivelato Kim Jones: «L’eternità di Roma, la spiritualità e la sua celestialità. Quando si cammina per le strade di questa città sei costantemente in bilico nel tempo, tra passato e presente».

Fendi, l'Haute Couture di Parigi sfila al buio in omaggio all'eternità di Roma

Fendi Haute Couture 2022

Al buio le modelle sfilano come sacerdotesse della maison. Vestono statue ancestrali e madonne dipinte sul velluto dark. Sfoggiano ricami papali. Portano in scena il bianco assoluto e il nero profondo, alternati ad acuti di rosso cardinalizio. Una eleganza sontuosamente regale, tra strascichi, piume e ricami complessi. Mariacarla Boscono ha indossato un abito peplo asimmetrico.

La collezione riflette dunque un sentimento di armonia tra passato e presente: dai tessuti fluidi drappeggiati sui corpi alla eleganza sontuosamente regale di perline, dove baguette luminose dei ricami emigrano anche sugli accessori, come nei collant floreali ricamati a mano, che appaiono come una seconda pelle. A illuminare la palette scura è il sapiente uso delle paillettes su abiti e giacche, e i cristalli applicati sul viso delle modelle come gocce di rugiada scintillanti. La vera chicca? Le scarpe-scultura dal tacco invisibile, sollevate da plateau e zeppe. La donna della maison è una creatura eterna, misteriosa e seducente come Roma.

Articoli correlati

Jung Ho-yeon nella campagna della borsa Twist di Vuitton per la Primavera 2022

Redazione Moda

Francesca Liberatore, la maglieria fil rouge della FW22. Il toccante omaggio all’Ucraina

Paola Pulvirenti

Un “Pezzo di Cuore” lungo oltre 10 anni: Emma e Alessandra Amoroso, amiche per la musica

Roberta Savona

Lascia un commento