Wondernet Magazine
MODA

Chanel Métiers d’Art sfila il 7 dicembre al 19M di Parigi, sede dei laboratori artigianali

Métiers d’Art, la sfilata Chanel 2021 al 9M di Parigi
Chanel ha svelato la location della sfilata Métiers d’Art 2021-22 del prossimo 7 dicembre. Si svolgerà al 19M di Parigi, l’edificio nel nord est della città sede dei suoi laboratori artigianali

Métiers d’Art, ovvero i laboratori artigianali di Chanel che contribuiscono alla realizzazione di queste preziose collezioni, hanno sede nella struttura chiamata 19M. L’edificio si trova nel 19mo Arrondissement parigino, a Porte d’Aubervilliers. Ed è proprio questa la location che la Maison ha svelato di aver scelto per la prossima sfilata dal vivo, che si terrà il 7 dicembre 2021, come avevamo già anticipato.

Il nome della struttura prende spunto dal numero 19, che rappresenta uno dei numeri emblematici di Chanel. La lettera M simboleggiare le parole Mains, Mode, Métiers, Maisons.

La sfilata Métiers d’Art 2021-22 al 19M

L’edificio 19M è stato progettato dall’architetto Rudy Ricciotti, e si estende su una superficie di 25.500 metri quadri. Al suo interno sono riunite undici Maisons d’Art con i loro seicento artigiani, che lavorano per Chanel ma anche per altri grandi nomi nel lusso.
Métiers d’Art, la sfilata Chanel 2021 al 9M di Parigi
L’esterno del 9M, sede dei laboratori artigianali Chanel

Ogni dicembre, a partire dal 2002, Chanel presenta una collezione dedicata ai Métiers d’Art, creata per rendere omaggio al virtuosismo di questi artigiani. Ogni anno dal 2002 questa collezione, unica nel mondo della moda, mette in risalto la ricchezza e la diversità dei Métiers d’art, in un dialogo creativo con ricamatrici, fioriere, calzolai, cappellai e guantai, che contribuiscono a rendere ogni creazione un pezzo eccezionale.

Scegliendo 19M come location della mostra Métiers d’Art 2021/22, Chanel ribadisce la sua volontà di celebrare questo eccezionale patrimonio artigianale, la vera pietra miliare della moda francese.

Métiers d’Art, la sfilata Chanel 2021 al 9M di Parigi
Chanel Métiers d’Art 2020-21

Gli artigiani membri dei Métiers d’Art Chanel

Le agili e creative ricamatrici degli Atelier Lesage adornano abiti e accessori con sontuosi ricami sin dall’ingresso di Karl Lagerfeld in Chanel nel 1983. Durante gli anni ’90, guidata dal desiderio di diversificare le attività della Maison, Lesage ha fondato un atelier tessile proponendo tweed innovativi e sofisticati attraverso l’assemblaggio di filati dei più diversi materiali. La Maison Lemarié, fondata nel 1880, è specializzata in fiori e piume e nella ‘couture’: intarsi, volant, punto smock sofisticato e plissé. Gli artigiani del ricamo dell’Atelier Montex dal 1939 realizzano motivi esclusivi dal design moderno, sia sofisticato che innovativo, che contribuiscono a valorizzare le collezioni Chanel.

la collezione 2020/2021 Chanel Metiers d'Art
Chanel Métiers d’Art 2020-21

Anche per i bottoni e per le plissettature c’è una Maison artigianale specializzata

La Maison Desrues,  fondata da Georges Desrues nel 1929, ogni stagione realizza bottoni, bijoux, fibbie per cinture e chiusure per borse. Pagliette, velette, cappelli e berretti sono realizzati dalla Maison Michel, le calzature dall’artigiano Massaro (creatore della famosa scarpa bicolore di Coco Chanel nel 1957). I gioielli dal maestro Goossens, specializzato nell’arte orafa e nella creazione di bijoux fantasia. Per i guanti c’è Causse,  l’artigiano che da oltre 120 anni realizza raffinate creazioni nelle pelli più pregiate e meticolosamente selezionate. Per la plissettatura, infine, c’è la Maison Lognon, artigiano del plissé dal 1853, che unendo le abilità artigianali tradizionali con la tecnologia digitale ha sviluppato un savoir-faire all’avanguardia.

 

Articoli correlati

#iorestoacasa, ma non in pantofole: le slippers gioiello Le Gabrielle

Redazione

Fabiana Gabellini: l’energia dei colori e la purezza della natura nei capi della collezione Estate 2020

Laura Saltari

Le “mini-me” di Loïs: i look coordinati con la propria bambina per la Festa della Mamma

Redazione

Lascia un commento