Wondernet Magazine
FASHION WEEK NUOVI ARTICOLI

Dior, la collezione Uomo Estate 2022 è un viaggio in Texas in compagnia di Travis Scott

Dior, la collezione Uomo Estate 2022
Svelata durante la Paris Fashion Week la collezione Dior uomo Estate 2022 che rappresenta una conversazione tra Kim Jones, il rapper Travis Scott e Christian Dior.

È stata presentata oggi pomeriggio, in occasione della Settimana della Moda di Parigi, la collezione disegnata dal direttore creativo Kim Jones insieme al rapper Travis Scott, con uno straordinario fashion show che celebra l’amore di Christian Dior per il Texas e i suoi paesaggi.

Kim Jones, direttore creativo dell’abbigliamento maschile di Christian Dior, non è nuovo collaborazioni con il mondo dell’arte. Per la Pre-Fall 2021 di recente ha lavorato con il leggendario street artist Kenny Scharf. Ed ora, per la prima volta, Jones sceglie di collaborare con un artista del mondo della musica: Travis Scott. 

Kim Jones e Travis Scott insieme in “Cactus Jack Dior”

Christian Dior ha viaggiato negli Stati Uniti sin dal 1947, pochi mesi dopo la sua prima collezione. Una delle destinazioni dei suoi viaggi era il Texas, con i suoi ​​straordinari paesaggi di grandi canyon ed enormi deserti. Ispirato dal collegamento che lega la storia di Dior agli USA, Kim Jones collega passato e presente, collaborando per la linea Dior Uomo Estate 2022 con il rapper, cantante, compositore e musicista di origine texana, Travis Scott. “Cactus Jack Dior”, simbolo-manifesto di questo incontro, evoca proprio il nome dell’etichetta creativa di Travis Scott: la Cactus Jack Records.

La sfilata Dior Uomo Estate 2022

 

La collezione Dior Uomo Estate 2022

Questa conversazione tra due amici, due culture e due periodi diversi, dà vita a una collezione che esplora le identità di un musicista moderno e innovativo e l’eredità di una delle più grandi case di couture di Parigi. I collegamenti sono tanti: la mostra si svolge in un prato rosa, ricostituzione di quella che meravigliava Christian Dior quando era bambino a Granville. Si trasforma poi in un giardino di cactus, omaggio dell’infanzia di Travis Scott a Houston. I colori dei canyon si riflettono in una palette sbiancata dal sole: viola, caffè, pistacchio, azzurro. Tonalità che ricordano anche le sfumature degli abiti Haute Couture della Maison. La Toile de Jouy diventa un “cactus canvas” cinese, che raffigura immagini del deserto. Gli originali motivi in tela sono tradotti in ricami soutache sulle giacche degli abiti.

 

 

 

Il tailoring, che riflette l’heritage della Maison, struttura la collezione, con capi della svasatura delicata sotto la vita alta e la manica stretta. Pantaloni fluidi e cappotti slim sono una rivisitazione della linea Arrow Primavera/Estate 1956 disegnata da Christian Dior. Il completo dal taglio obliquo aggiunge un tocco formale in contrasto con gli elementi sportswear: pantaloni track con dettagli di cuciture, t-shirt délavé, ricami e motivi dipinti a mano. Travis Scott reinventa il logo della Maison in una serie di grafiche disegnate a mano: tra queste la topografia di Houston, il personaggio di Cactus Jack e le immagini dall’archivio Dior diventano patch, trofei di viaggi immaginari che ornano le borse da viaggio e i giubbini in cuoio.

Gli accessori della collezione

Singolari sono gli accessori: la tela Dior Oblique è rivisitata con il nome “Jack”. La signature Dior “Diamant”, proveniente dagli archivi della casa negli anni ’60, diventa un nuovo logo grafico. Una nuova sneaker Dior ispirata allo skate con suola plateau inclinata, che ricorda la versione autentica degli anni ’90. Un paio di sandali a righe evoca un’atmosfera da viaggio coniugando texture e materiali eccezionali. Anche la Saddle Bag viene reinterpretata, foderata, con un manico a pinza che collega le due parti. I cappelli disegnati da Stephen Jones sono ibridi, una fusione tra il tipico basco alla francese con il berretto americano. Per la prima volta, l’universo maschile di Dior dialoga con Dior Joaillerie: la Direttrice Creativa Victoire de Castellane realizza così un pezzo di alta gioielleria – una collana cactus piena di pietre preziose – creata appositamente per la sfilata.

La collaborazione con George Condo

Attraverso opere d’arte uniche, Kim Jones, Travis Scott e la maison Dior collaborano anche, per la sfilata Estate 2022, con il famoso artista visivo americano George Condo. La sua opera, che mescola influenze pop americane alla pittura dei grandi artisti europei, sottolinea perfettamente i temi della collezione. Condo ha realizzato delle camicie dipinte a mano che verranno mette all’asta dopo la sfilata. Con i proventi la Maison sosterrà, attraverso borse di studio, le future generazioni di talenti creativi.

Articoli correlati

Stefania Rocca, Isabeli Fontana e Martha Hunt in total look Alberta Ferretti a Venezia

Redazione Beauty

Eros Ramazzotti, riprendono le date italiane del tour “Vita ce n’è”, che nel 2020 sbarcherà in America

Redazione

Laura Pausini: «Volo a Los Angeles, ma resto sempre la ragazzina di Solarolo»

Laura Saltari

Lascia un commento