Wondernet Magazine
PERSONAGGI

David Beckham invecchiato, con rughe e capelli bianchi: ma è per una buona causa

David Beckham invecchiato per una buona causa
Lʼex calciatore appare in versione 70enne nel video della campagna di prevenzione “Malaria Must Die, So Millions Can Live”.

Un David Beckham invecchiato di almeno 25 anni, ma che anche con le rughe, la barba e i capelli bianchi non perde un briciolo del suo fascino. Nello spot della campagna Malaria Must Die, So Millions Can Live, Beckham è stato invecchiato digitalmente. L’ex calciatore viene catapultato in un futuro immaginario, ma non troppo lontano, in cui il virus che ogni anno uccide milioni di persone è stato finalmente sconfitto.

Lo spot della campagna con Beckham invecchiato

«Oggi il mondo è cambiato, perché abbiamo sconfitto la malaria», annuncia il David Beckham invecchiato al computer. «Una piaga che ha ammazzato miliardi di persone, il più grande nemico nella storia dell’uomo. Le nuove generazioni hanno un futuro più sicuro».

Il messaggio di Beckham

Poi Beckham riacquista le sue sembianze da 45enne e prosegue il suo discorso nel presente: «Proprio adesso la battaglia contro la malaria è più difficile che mai, ogni due secondi muore un bambino a causa di questa malattia», afferma l’ex calciatore, che è tra i membri del consiglio direttivo di Malaria No More UK. «Tutti insieme dobbiamo lottare uniti, fino a quando la missione non sarà completata».

Anche invecchiato, Beckham è sempre un sex symbol

David Beckham, oltre ad essere stato uno dei calciatori più noti e affermati, inserito nella classifica FIFA dei 100 giocatori più forti di sempre, è considerato anche un sex symbol. Modello ed icona metrosexual, nel 2015 la rivista statunitense People lo ha collocato al primo posto nella classifica degli uomini più sexy del pianeta. 

 

 

Articoli correlati

Gli 80 anni di Faye Dunaway, l’attrice premio Oscar icona degli anni ’70

Laura Saltari

Lady Gaga: il regalo inaspettato rende felice una fan per strada

Valentina Turci

David Bowie, 5 anni senza il Duca Bianco: la musica (e i film) che ci ha lasciato

Laura Saltari

Lascia un commento