Wondernet Magazine
LIFESTYLE

“Stand Up Against Street Harassment”: L’Oréal Paris accanto alle donne vittime di molestie

stand up l'oreal paris
“Perché tu vali” recita lo slogan L’Oréal Paris, leader mondiale nel settore della bellezza, presente in 130 Paesi su 5 continenti. Il brand è impegnato sul fronte dell’inclusività e dell’accettazione. Ogni donna deve sentirsi pienamente in sintonia col proprio corpo e la propria personalità, senza barriere sociali di alcun tipo, senza imposizioni che possano minare l’autostima e impedire una piena e serena realizzazione.

Nasce con queste premesse il progetto Stand Up Against Street Harassmentche porta anche le firme di ONG Hollaback! e L’Oréal Paris.

Il progetto si rivolge alle donne vittime di molestie nei luoghi pubblici: attenzioni sgradite e comportamenti intimidatori che minano la sicurezza, il benessere, la serenità.

Stand Up Against Street Harassment

Si tratta di un programma di formazione e sensibilizzazione contro le molestie in luoghi pubblici sviluppato da L’Oréal Paris insieme all’associazione ONG Hollaback!, un movimento globale costituito da persone che hanno l’obiettivo di porre fine alle molestie e garantire un accesso paritario agli spazi pubblici.

stand up
Photo Credits: Instagram @hollabackldn

L’obiettivo è, appunto, prevenire le molestie in luoghi pubblici e costruire uno spazio sicuro e inclusivo per tutti. Come? Formando un milione di persone in grado di prendere posizione in maniera sicura quando si è vittime o testimoni di un vile atto di questo tipo. In che modo? Col metodo delle 5D.

Le 5D

Il metodo delle 5D fa riferimento a una serie di azioni pensate per prendere posizione contro le molestie nei luoghi pubblici. Le 5D sono, come è facile intuire, cinque parole che hanno la stessa iniziale: Distrarre, Dare sostegno, Delegare, Documentare e Dire.

Le 5D racchiudono il segreto per proteggere la dignità delle donne, dando loro strumenti che possano aiutarle nel combattere in prima persona o, se in qualità di testimoni, in seconda persona e così aiutare le vittime.

stand up
Photo Credits: Instagram @hollabackldn

Nello specifico dell’Italia, questo progetto sarà sviluppato in collaborazione con Alice Onlus col coordinamento di Stefania Andreoli e Cristina Obber. L’associazione no-profit comprende psicologi e psicoterapeuti ed è specializzata anche costruzione di progetti di formazione e supporto.

L’indagine

Le molestie in luogo pubblico sono molto più diffuse di quanto si pensi. Le statistiche parlano di un 78% di donne coinvolte in questa traumatica esperienza: solo il 25% di loro afferma di essersi sentito aiutato e protetto da qualcuno. Altra percentuale elevata è quella di coloro che, in qualità di testimoni, non sanno cosa fare e come comportarsi.

I dati fanno riferimento a una ricerca internazionale sulle molestie sessuali in luoghi pubblici, condotta da Ipsos insieme ai ricercatori della Cornell University e a L’Oréal Paris. Lo studio è stato realizzato su ampia scala dal 5 al 27 febbraio 2019. Sono state sottoposte interviste on line in 8 differenti Paesi (Canada, Francia, India, Italia, Messico, Spagna, Inghilterra, USA), per un totale di 15.500 persone di tutte le età coinvolte (circa 2 mila in ogni Paese di cui 1.250 donne e 750 uomini).

Risulta palese, dunque, alla luce delle percentuali ottenute, quanto bisogno ci sia di fare informazione e di far sentire maggiore vicinanza alle donne che combattono ogni giorno contro questa forma di abuso.

 

Articoli correlati

Vinoterapia: dall’uva e dai suoi derivati, i trattamenti di bellezza antia-age e rigeneranti

Redazione

Spopola in rete il video di Cynthia Nixon contro i luoghi comuni sulle donne: «Be a Lady, they said» 

Giusy Dente

“Looking for Juliet”, svelato il Calendario Pirelli 2020. Otto modelle impersonano la Giulietta del XXI secolo

Redazione

Lascia un commento