Wondernet Magazine
Benessere

Sbalzi d’umore, irritabilità e stanchezza: come tenere a bada i fastidi legati al cambio di stagione

cambio di stagione
Con l’avvicendarsi delle stagioni, all’arrivo dell’estate o quando si fanno avanti i primi freddi, può capitare di sentirsi affaticati o, viceversa, stranamente pieni di energie.

Sono sbalzi d’umore del tutto normali, legati appunto al cambio di stagione. Infatti esiste una relazione tra i nostri stati d’animo e le condizioni climatiche esterne, in qualche modo ne subiamo l’influenza. Per questo avvertiamo piccoli disturbi e fastidi, del tutto temporanei, che si possono comunque tenere sotto controllo con alcuni accorgimenti.

Sintomi del cambio di stagione

Il cambio di stagione si fa sentire sia a livello fisico che psicologico, ma chiaramente sono tutti sintomi variabili da persona a persona in base al contesto in cui ci si trova.

In linea di massima si può elencare tra i più comuni: emicrania, fame nervosa, ansia, irritabilità, insonnia, affaticamento, dolori mestruali più acuti, calo della libido, agitazione, confusione e deficit dell’attenzione.

cambio di stagione
Unsplash

Cause

Secondo gli scienziati ci sarebbero diversi fattori dietro tutti i disturbi che compaiono nei periodi del cambio di stagione.

Nei passaggi da una stagione all’altra, infatti, avvengono variazioni di umidità, pressione, temperatura, cambiamenti nelle ore di buio e luce. Tutto questo influenza sia gli ormoni che i neurotrasmettitori, responsabili della sfera dell’umore e non solo. La melatonina, ad esempio, ha un ruolo importante nel ciclo del sonno. Tutto questo può portare a sbalzi d’umore improvvisi.

Come gestire il cambio di stagione

I sintomi del cambio di stagione possono influire in qualche modo sulla quotidianità, stravolgerla nel loro piccolo. Ma ci sono alcuni consigli che possono aiutare a gestire quei particolari momenti dell’anno ed evitare che prendano il sopravvento sul corpo e sulla mente.

In che modo si possono controllare i sintomi del cambio di stagione? Con alcuni accorgimenti, in primis orientando la propria vita a uno stile sano, che riguarda non solo l’alimentazione e l’attività fisica (lo sport fa rilasciare endorfine, che generano buonumore). Importante è anche coltivare i rapporti umani e mantenere le proprie abitudini.

D’aiuto può essere trascorrere molto tempo all’aria aperta (la luce del sole aumenta la produzione di serotonina, altro ormone del buonumore).

cambio di stagione
Unsplash

Le erbe alleate del nostro benessere

Ginseng e rodiola sono altri due alleati. Il primo, assunto in dosi non eccessive, aiuta a mantenere la concentrazione, rende più attivi, combatte stanchezza e spossatezza. Il rodiolo, invece, distende la mente e migliora il sonno, rendendo più sereni, perché regola i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress).

Altre erbe ideali in queste situazioni sono l’angelica, il timo, il rosmarino. Ciascuna erba ha proprietà specifiche, ci si può orientare verso l’una o l’altra a seconda del disturbo che si accusa. L’angelica, per esempio, ha potere rilassante; il timo aiuta la digestione; il rosmarino è depurativo.

Articoli correlati

#EppurMiMuovo, il format per restare in forma anche a casa ai tempi del Coronavirus

Redazione

Ascoltare musica mentre si pratica sport fa bene, e una ricerca ne spiega i motivi

Redazione

Detox in 5 mosse e l’organismo si rigenera: i consigli e le ricette della nutrizionista 

Laura Saltari

Lascia un commento