Wondernet Magazine
SOLIDARIETÀ

Sweet Years lancia “Andrà tutto bene”, un progetto benefico a sostegno delle persone più fragili

Sweet Years, il marchio del cuore, torna in campo con un’operazione charity. Positività, amore, rispetto, dinamismo, valori intrinsechi del brand, impediscono di rimanere insensibili alle difficoltà  generate dalla pandemia.

Sweet Years lancia una T-shirt  limited edition,  la cui stampa colorata  “Andrà Tutto bene”  è anche  il messaggio che ci ha accompagnato sin dalle prime fasi dell’emergenza Covid-19 e l’hashtag più condiviso di questi mesi.  Il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto ad Alatha Onlus, che garantisce trasporti dedicati alle persone  particolarmente fragili, anche – e soprattutto – in tempi di pandemia: bambini disabili, malati e anziani. Le t-shirt sono acquistabili online sul sito e-commerce di Sweet Years: https://www.incotone.it.

Un progetto sostenuto anche dal Giappone

L’iniziativa è promossa parallelamente anche in Giappone – da anni secondo mercato di riferimento del brand-  con la linea sportiva SY32 by Sweet Years. Le t-shirt potranno essere acquistate a Tokyo, direttamente nello store “Posto Segreto” o sull’e-commerce https://www.posto-segreto.com.

L’intera operazione è sostenuta da un piano di comunicazione social che vede il coinvolgimento di personaggi dello sport e dello spettacolo. Bobo Vieri, testimonial storico del brand sarà il primo a promuovere l’iniziativa sul profilo Instagram di Sweet Years.

Il paese del Sol Levante è affettivamente vicino all’Italia e ha deciso di sostenere l’iniziativa anche grazie ad Akira Yoshida, che si divide tra Tokyo e Roma, che coordinerà la campagna giapponese a sostegno dell’iniziativa: tra i testimonial i calciatori Nagatomo e Honda, che hanno vestito le maglie di Milan e Inter. Non solo personaggi dello sport e dello spettacolo. I Giapponesi desiderano inviarci un messaggio di solidarietà.

I proventi dell’operazione Andrà tutto bene finanzieranno il programma “Adotta un pulmino” per consentire ad Alatha di offrire servizi sempre più diversificati, numerosi e  capillari.

L’iniziativa va in parallelo ad un’altra operazione benefica intrapresa dal brand con la vendita di mascherine coprifiato lavabili per adulti e bambini, guanti e visiere brandizzati Sweet Years, presto distribuiti nei tabaccai e nelle farmacie di tutta Italia.  Anche in questo caso il ricavato del marchio sarà interamente devoluto in beneficenza, questa volta alla Protezione Civile e in particolare al Fondo per le famiglie degli operatori sanitari che hanno perso la vita nella lotta al Coronavirus.

Sweet Years, il marchio del cuore di Vieri e Maldini

Sweet Years fa la sua prima apparizione nel 2003: dopo uno dei tanti goal il Bomber alza la maglia e compare un inedito cuore rosso; all’immediata sorpresa segue la curiosità di milioni di tifosi e spettatori. Il marchio del cuore vanta infatti tra i fondatori le leggende del calcio Bobo Vieri e Paolo Maldini. Entusiasmo, “positive thinking”, “good living”, dinamismo e rispetto: sono questi da sempre i valori e il messaggio intrinseco del brand. In 16 anni Sweet Years ha conquistato milioni di persone senza distinzione di età, genere o estrazione sociale.

Dopo aver fatto dello streetwear il proprio core business, Sweet Years ha siglato importanti licenze in diversi settori merceologici. Oggi il brand produce e commercializza accessori tra cui profumi, gioielli, borse, calzature, calze, occhiali, beachwear, e underwear.  Dal 2009 il brand si è espanso su scala internazionale con il Giappone capofila:  i prodotti Sweet Years sono venduti in oltre 200 punti vendita tra boutique e department store e il brand sportivo SY32by Sweetyears vanta diversi negozi monomarca e shop-in-shop.

Articoli correlati

Astra Make-Up finanzia l’acquisto di respiratori per l’Ospedale di Pantalla (Todi, PG)

Redazione

Pierfrancesco Favino legge “Il piccolo Principe” per un progetto solidale di IWC

Giusy Dente

Coronavirus: gara di solidarietà da parte di imprenditori e industriali per sostenere l’emergenza nazionale

Redazione

Lascia un commento