Wondernet Magazine
STORIE

L’Italia ferita cullata da una dottoressa: l’immagine dell’artista veneziano Franco Rivolli che ha commosso il web

Un’immagine commovente, che vale più di mille parole. Una dottoressa, con la mascherina che le coprono il naso e la bocca, tiene in braccio un’Italia ferita. 

È un dipinto realizzato dall’artista veneziano Franco Rivolli, che ha voluto così rendere omaggio a tutti i medici, gli infermieri e il personale sanitario che da settimane ormai sono in prima linea per cercare di far fronte a un’emergenza mai vista prima.

L’Italia è rossa, come la situazione che attanaglia ormai da settimane prima il Nord e poi tutto il nostro territorio nazionale. La dottoressa la tiene in braccio, la culla amorevolmente, come una mamma farebbe con il suo bambino. Al posto della coperta, la riscalda tenendola avvolta nella bandiera  tricolore. Un’immagine potente, che rattrista ma rincuora allo stesso tempo. Trasmette una speranza, quella che il nostro Paese guarisca, grazie anche e soprattutto agli sforzi sovrumani di medici e paramedici, impegnati da settimane in una battaglia senza sosta. Grazie a loro ci sentiamo meno soli. Rivolli li vede come i nostri angeli custodi, e non a caso ha dipinto dietro la schiena della dottoressa due grandi ali.

Il disegno di Franco Rivolli

 L’opera è stata poi inviata all’Associazione Nazionale Carabinieri Chiaravalle Centrale, che l’ha pubblicata su Facebook. In nemmeno 24 ore ha raggiunto un numero altissimo di like e di condivisioni.

«È un’immagine molto bella e commovente che ci ha inviato l’autore Franco Rivolli e che abbiamo pensato di condividere, visto il momento che il nostro intero Paese sta vivendo per l’emergenza coronavirus». Queste le parole di Luca Sanzo, presidente della sezione dell’Associazione nazionale carabinieri di Chiaravalle Centrale in provincia di Catanzaro, che ha aggiunto:  «Ho pensato subito di condividere su Facebook quell’immagine che racchiude per molti versi quella che è la situazione attuale del nostro Paese. Un’immagine toccante realizzata da un amico, Franco Rivolli, che ha fatto il giro dei social e non solo. E rispetto alla quale in un momento come questo possiamo davvero ritrovarci un po’ tutti».

Articoli correlati

Daniele Frontoni: «Tatuarmi è uno stile di vita, un monito per ricordarmi degli errori, un omaggio a persone che ho amato» 

Roberta Savona

Il Teatro Non Deve Morire: il black humour di Taffo a sostegno dei lavoratori dello spettacolo 

Redazione

Mattia Cigalini, il sindaco “jazz” che ha suonato il sax per le vittime del Coronavirus

Laura Saltari

Lascia un commento