Wondernet Magazine
MODA

Daoyuan Ding, a Pitti Uomo il giovane fashion designer cinese che copre il volto dei modelli

Daoyuan Ding, il 28enne designer cinese vincitore dell’edizione 2019 di ITS (International Talent Support) e fondatore dell’omonimo brand, parteciperà a Pitti Immagine Uomo 97 nella sezione “Unconventional”

Daoyuan Ding è nato il 5 maggio 1991 in Cina. Dopo la laurea  all’Università Donghua di Shanghai e un corso allo IED di Milano, Ding ha lavorato come designer presso Uniqlo a Shanghai e Tokyo per due anni. Si è poi trasferito a Londra, dove si è specializzato in menswear presso il London College of Fashion, University of the Arts London. Nel 2019 ha fondato il suo brand ed presentato la sua collezione alla London Fashion Week Men SS2019. 

Nel luglio 2019 ha vinto la 17ª edizione del format per giovani creativi  

Ha poi trionfato all’edizione 2019 di ITS, l’International Talent Support, aggiudicandosi il ”Tomorrow Entrepreneurial Creativity Award”  con una collezione chiamata “Migratory Vagueness”, ben progettata sia nel taglio che nella costruzione e nello sviluppo dei materiali.Oltre al premio in denaro offerto da Allianz, il giovane e talentuoso designer cinese si è aggiudicato una mentorship di un anno con Pitti e l’occasione di presentare la propria collezione alla prossima kermesse che si svolgerà a Firenze dal 7 al 10 gennaio 2020.

Lo stile unisex di Daoyuan Ding si basa sul concetto della “zona grigia”, cioè quell’area della mente dove si verifica la “familiarità sconosciuta”. Daoyuan Ding crea i suoi capi non convenzionali con questo DNA, per ridisegnare e ridefinire il guardaroba contemporaneo. La sua “Triple Foundation” (cappello, scaldacollo e guanti) è molto più che un dettaglio della collezione.

 

(Photo Credits: Pitti Immagine Uomo)

 

Articoli correlati

Stella McCartney: la collezione Pre-Fall 2021 è la più green di sempre

Paola Pulvirenti

Un mare di denim: Tiziano Guardini presenta i capi realizzati in partnership con Isko

Redazione

Manila Grace: la SS22 sfila con le Muse e l’ambassador Elena Santarelli

Paola Pulvirenti

Lascia un commento