Wondernet Magazine
MODA

Maki, la figlia di Nelson Mandela presenta la collezione The Struggle Series

Maki, la figlia di Nelson Mandela alla Torino Fashion Week
In occasione della Torino Fashion Week, Maki, la figlia di Nelson Mandela, presenterà la collezione streetwear The Struggle Series, che nasce da alcuni emblematici disegni realizzati dal padre.

A Palazzo Madama, dal 15 al 21 novembre, si terrà la Torino Fashion Week. Quest’anno tra le collezioni più attese c’è senza dubbio The Struggle Series, la linea streetwear firmata da House of Mandela, società fondata dalla figlia di Nelson Mandela, Maki.

Attivista per l’emancipazione femminile e imprenditrice, Maki presenterà la collezione domani, 15 novembre. Questa capsule omaggia l’ex Presidente sudafricano e tutti i valori che la sua figura ha rappresentato e ancora rappresenta per milioni di persone.

Maki, la figlia di Nelson Mandela alla Torino Fashion Week

The Struggle Series, la collezione presentata da Maki Mandela

The Struggle Series. È questo il significativo nome della linea streetwear che sfilerà il 15 novembre a Torino. La collezione omaggia la figura di Nelson Mandela rendendo protagonisti alcuni disegni realizzati dall’ex Presidente sudafricano. La linea è firmata House of Mandela, l’azienda fondata nel 2010 da Makaziwe Mandela, detta Maki (classe 1954), e dalla figlia Tukwini, nipote di Nelson. Abiti, t-shirt e felpe hanno come fil rouge alcuni disegni incentrati sulle mani, «strumenti potenti che possono ferire o guarire, punire o sollevare».

Maki, la figlia di Nelson Mandela alla Torino Fashion Week
I disegni di Nelson Mandela a cui la collezione si ispira

La passione per la moda di Maki e Tukwini

Lo spirito imprenditoriale di Maki e Tukwini nasce dalla madre (e nonna) Evelyn, che per mantenere la sua famiglia, al termine del suo matrimonio, aprì un’attività di vendita al dettaglio. La stessa determinazione non manca a Maki e alla figlia, che undici anni fa hanno deciso di fondare House of Mandela. Come dichiarato da Maki in un’intervista a Vanity Fair: «La passione per la moda arriva da mia figlia Tukwini. È lei che ha progettato la collezione, trovato i fornitori, organizzato i modelli, i video e le riprese: è molto appassionata nel lavorare con gli artigiani locali e fa di tutto per trovarli. Crede davvero che ci sia tanto talento e creatività in Sudafrica e in Africa e vuole portarlo al mondo».

Maki, la figlia di Nelson Mandela alla Torino Fashion Week

Nelson Mandela e il suo stile iconico

Maki ricorda anche il modo di vestire di Nelson Mandela, diventato a sua volta iconico. «Mio padre aveva un senso dello stile molto colorato e sgargiante ed era fiero di questo: attraverso le sue camicie Madiba ha davvero creato una tendenza senza volerlo, e per noi è stato importante portare quello spirito nella collezione, dalle giacche alle felpe, in modalità originale. […] Quello che vogliamo raccontare con House of Mandela è non solo il forte senso di appartenenza alla sua terra e l’orgoglio verso le sue radici, ma soprattutto che tutti gli ideali che ha sposato li ha imparati da qualcuno e da qualche parte, molto prima di diventare un politico».

Maki, la figlia di Nelson Mandela alla Torino Fashion Week

La Torino Fashion Week in modalità digitale

Anche quest’anno, come già accaduto nel 2020, la Settimana della Moda di Torino si svolgerà in modalità digitale. La scorsa edizione è stata, comunque, un successo, registrando oltre 2 milioni di visualizzazioni. Ormai da anni, infatti, la Torino Fashion Week è un punto di riferimento per i talenti emergenti nel mondo della moda e per tutti gli appassionati del settore. House of Mandela, il brand fondato da Maki Mandela, sarà protagonista nella giornata del 15 novembre, presentata da Carmen Abdullah Muhammad, fondatrice di Al-Nisa Designs.

Articoli correlati

Stella McCartney firma con Candiani il primo jeans biodegradabile

Giusy Dente

Dior Cruise 2022: allo stadio Panathenaic di Atene sfila la mitologia urbana

Paola Pulvirenti

Gucci lancia il secondo capitolo della super co-lab con The North Face

Paola Pulvirenti

Lascia un commento