Wondernet Magazine
Sportswear

Marcelo Burlon e Kappa reinterpretano la maglia dei giocatori del Napoli

Marcelo Burlon disegna le divise del Napoli
Marcelo Burlon County of Milan e Kappa annunciano la collaborazione per reinterpretare le divise ufficiali della SSC Napoli.

Con l’esclusiva linea Marcelo Burlon County of Milan x SSC Napoli, moda e sport, mondi diversi ma complementari, ancora una volta si intersecano e si influenzano, trovando sinergie inaspettate e dando vita a nuove realtà creative. La linea è sviluppata in collaborazione con Kappa, il brand italiano di abbigliamento sportivo per eccellenza.

Una linea celebrativa della squadra, creata per trasmettere la cultura, la tradizione e tutta l’internazionalità di Napoli e del suo team calcistico attraverso la visione e l’estro creativo del designer argentino.

Marcelo Burlon disegna le divise del Napoli

Marcelo Burlon County of Milan X SSC Napoli

Catalizzatore e connettore dalla forza esplosiva, Marcelo Burlon porta la sua energia multiculturale e reinterpreta così il suo messaggio visivo più iconico per questa partnership d’eccezione. La collezione è una dedica d’amore a Napoli: la città, la squadra e i suoi appassionati tifosi.

Marcelo Burlon disegna le divise del Napoli

Vetrina della presentazione ufficiale sarà la partita del 18 Aprile. Domenica prossima infatti la squadra SSC Napoli scenderà in campo, nel neo-ribattezzato stadio Diego Armando Maradona, contro l’Inter FC. In quell’occasione i giocatori indosseranno le nuove divise Kappa in collaborazione con Marcelo Burlon County of Milan. La collezione è composta dai kit di calcio, palloni, zaini, e abbigliamento streetwear. Tutti i capi e gli accessori sono disponibili online nei maggiori e-commerce internazionali.

Articoli correlati

Lidl collabora con Nike per una collezione on line sportswear low-cost

Paola Pulvirenti

Rick Owens X Champion: in arrivo la capsule collection Primavera/Estate 2021

Paola Pulvirenti

Ashley Graham prima Global Ambassador del brand di activewear Knix

Eleonora Gandaglia

Lascia un commento